Dal 1996 al 1998

A picco verso la Serie B

Dal 1996 al 1998

Dal 1995, per sanare i debiti del club, furono ceduti giocatori come Benny Carbone (all'Inter) e Fabio Cannavaro (al Parma), e iniziò il declino. Nel 1995-96 la retrocessione venne sfiorata: il Napoli si salvò solo alla terz'ultima giornata, vincendo contro la Sampdoria 1-0, grazie ad un calcio di rigore trasformato in rete, nei minuti finali dell'incontro, da Arturo Di Napoli. Boškov lasciò la squadra per i deludenti risultati avuti.

Nella stagione 1996-97 la formazione azzurra allenata da Gigi Simoni fu la rivelazione della prima parte del campionato: alla sosta natalizia era al secondo posto a pari merito con il Vicenza e dietro alla Juventus; nel girone di ritorno, tuttavia, la squadra crollò (3 vittorie in 17 gare) e, dopo l'esonero di Simoni sostituito da Montefusco, allenatore della Primavera, non andò oltre la dodicesima piazza. Notevole fu, invece, il cammino in Coppa Italia. Eliminati il Monza, il Pescara (entrambe per 0-1), la Lazio (1-0 e 1-1) nei quarti e l'Inter (doppio 1-1 e vittoria ai rigori) in semifinale, il Napoli arrivò in finale contro il Vicenza. Nell'andata al San Paolo gli azzurri si imposero per 1-0 con rete di Fabio Pecchia, ma la gara di ritorno al Menti terminò 1-0 per i veneti dopo i 90 minuti regolamentari e, nei tempi supplementari, complice l'espulsione di Nicola Caccia, i biancorossi realizzarono altri due gol negli ultimi tre minuti, reti che valsero il trofeo e l'accesso alla Coppa delle Coppe 1997-1998.

Ceduta anche l'ultima bandiera del Napoli, Fabio Pecchia, nonostante l'acquisto di giocatori come Bellucci e Protti (capocannoniere della 1995-96), nella stagione 1997-98 la crisi degli anni precedenti arrivò al culmine. Durante l'anno si succedettero sulla panchina del Napoli ben quattro allenatori (nell'ordine: Mutti, Mazzone, Galeone e di nuovo Montefusco) e tre direttori tecnici (nell'ordine: Bianchi, Juliano e Bagni), e in campo ben quaranta calciatori (fra cui l'ormai anziano Giuseppe Giannini, Pedros, Asanovic, Prunier, Calderon e Max Allegri), ma nessuno di loro riuscì a evitare la débâcle azzurra: con un bottino di soli quattordici punti - peggior prestazione di sempre in Serie A della squadra - il Napoli, ultimo in classifica, retrocedette in Serie B dopo trentatré anni consecutivi di permanenza nella massima serie.

Stagioni

1995-96
1996-97
1997-98

Altre Storie

Dal 1926 al 1930 - Il Napoli di Ascarelli con Sallustro e Vojak
Dal 1930 al 1939 - I due terzi posti e la Coppa Europa
Dal 1985 al 1987 - L'arrivo di Maradona e il primo Scudetto
Dal 1988 al 1991 - La Coppa Uefa e il secondo Scudetto
Dal 1996 al 1998 - A picco verso la Serie B
Dal 1992 al 1995 - Le ultime soddisfazioni del post-Maradona
Dal 2019 ad oggi - Dal maestro all'allievo, sulle orme del passato
Dal 1940 al 1949 - Gli anni 40, retrocessioni e promozioni a cavallo della guerra
Dal 1973 al 1980 - Vinício e il calcio totale
Dal 2004 al 2008 - Arriva De Laurentiis, con Reja dalla C1 all'Europa
Dal 2016 al 2018 - Sarrismo, gioia e rivoluzione
Dal 1969 al 1972 - Inizia l'era Ferlaino
Dal 1950 al 1959 - I gol di Jeppson, Pesaola e Vinicio non bastano
Dal 1960 al 1968 - La prima Coppa Italia e gli oriundi
Dal 1981 al 1984 - Krol ed il ritorno degli stranieri in Italia
Dal 1999 al 2003 - Qualche gioia con Novellino, arriva il fallimento
Dal 2009 al 2012 - L'era Mazzarri con i tre tenori
Dal 2013 al 2015 - Il Napoli internazionale con Benitez
Dal 1896 al 1926 - Dagli Inglesi del Naples all'Internapoli