Dal 1999 al 2003

Qualche gioia con Novellino, arriva il fallimento

Dal 1999 al 2003

Il primo anno in cadetteria (1998-99) fu mediocre: la squadra, allenata da Renzo Ulivieri, annoverava nell'organico giocatori "blasonati" ma sul viale del tramonto come Shalimov e Murgita e non riuscì mai ad inserirsi nella lotta per la promozione. A gennaio arrivò l'attaccante Stefan Schwoch, ma la stagione era ormai compromessa e il Napoli chiuse il torneo a metà classifica.

Il ritorno in Serie A avvenne solo l'anno dopo, al termine della stagione 1999-00, grazie all'oculata gestione del nuovo allenatore Novellino e alle ottime prestazioni di Schwoch, che con 22 reti realizzate eguagliò il record di gol messi a segno in una singola stagione con la maglia azzurra, detenuto fino a quel momento da Vojak. Quell'anno il Napoli aveva nel proprio organico elementi di sicuro avvenire, come Oddo, Matuzalem, Stellone e Galletti. Il 7 luglio 2000 entrò in società l'imprenditore romagnolo Giorgio Corbelli, che affiancò Ferlaino alla guida del club ricoprendo la carica di presidente.

Nonostante i meriti e l'affetto dei tifosi, i due protagonisti del ritorno in massima serie (il tecnico Novellino e l'attaccante Schwoch) non ottennero la riconferma: l'allenatore passò al Piacenza, mentre l'attaccante venne ceduto al Torino per pagare gli ormai noti e opprimenti debiti. Il Napoli si affidò dunque al tecnico boemo Zdenek Zeman, esonerato dopo sei partite e sostituito con Emiliano Mondonico. Nonostante alcune significative vittorie (6-2 contro a Reggina, 2-1 in casa dei campioni d'Italia in carica della Lazio e 1-0 all'Inter) e la presenza in squadra di calciatori come Edmundo, Amauri (arrivati entrambi nel mercato di gennaio), Jankulovski, Amoruso e Bellucci, il Napoli non riuscì ad evitare l'immediato ritorno in serie cadetta, sancito all'ultima giornata dalla sconfitta contro la Fiorentina.

Per il successivo campionato di Serie B (2001-02) il ruolo di allenatore fu affidato a Luigi De Canio. La squadra, competitiva e fra le favorite per la promozione, lottò fino all'ultima giornata per ritornare in Serie A, riuscendo a risalire dai bassifondi della classifica fino ai primi posti grazie a una lunga serie di risultati utili consecutivi. Ciononostante, nella partita decisiva, in casa contro la Reggina, ottenne solo un pareggio (1-1) e chiuse al quinto posto, con la massima serie soltanto sfiorata.

Il 22 giugno 2002 Corbelli, per evitare una ormai più che probabile bancarotta, cedette le sue quote societarie all'industriale alberghiero Salvatore Naldi, che affidò la squadra all'allenatore Franco Colomba (2002-03). Il mediocre rendimento della squadra, che si ritrovò anche al penultimo posto in classifica, portò all'esonero del tecnico e all'ingaggio di Franco Scoglio, che lasciò l'incarico di CT della Libia. La squadra risalì timidamente la classifica, ma poi andò di nuovo in crisi e in panchina venne richiamato Colomba, il quale riuscì nell'intento di salvare la squadra da una clamorosa retrocessione in C1 solo all'ultima giornata con un pareggio a Messina.

Nella stagione 2003-04 le difficoltà finanziarie impedirono l'adeguato potenziamento della squadra: l'allenatore Andrea Agostinelli venne esonerato in corso d'opera per far posto al rientrante Luigi Simoni, ma il risultato fu un mediocre quattordicesimo posto.

Stagioni

1998-99
1999-00
2000-01
2001-02
2002-03
2003-04

Altre Storie

Dal 1926 al 1930 - Il Napoli di Ascarelli con Sallustro e Vojak
Dal 1930 al 1939 - I due terzi posti e la Coppa Europa
Dal 1985 al 1987 - L'arrivo di Maradona e il primo Scudetto
Dal 1988 al 1991 - La Coppa Uefa e il secondo Scudetto
Dal 1996 al 1998 - A picco verso la Serie B
Dal 1992 al 1995 - Le ultime soddisfazioni del post-Maradona
Dal 2019 ad oggi - Dal maestro all'allievo, sulle orme del passato
Dal 1940 al 1949 - Gli anni 40, retrocessioni e promozioni a cavallo della guerra
Dal 1973 al 1980 - Vinício e il calcio totale
Dal 2004 al 2008 - Arriva De Laurentiis, con Reja dalla C1 all'Europa
Dal 2016 al 2018 - Sarrismo, gioia e rivoluzione
Dal 1969 al 1972 - Inizia l'era Ferlaino
Dal 1950 al 1959 - I gol di Jeppson, Pesaola e Vinicio non bastano
Dal 1960 al 1968 - La prima Coppa Italia e gli oriundi
Dal 1981 al 1984 - Krol ed il ritorno degli stranieri in Italia
Dal 1999 al 2003 - Qualche gioia con Novellino, arriva il fallimento
Dal 2009 al 2012 - L'era Mazzarri con i tre tenori
Dal 2013 al 2015 - Il Napoli internazionale con Benitez
Dal 1896 al 1926 - Dagli Inglesi del Naples all'Internapoli