Giuntoli: Napoli, mercato intelligente

Il ds azzurro parla dei nuovi arrivi e del neo tecnico: Sarri ha bisogno di tempo

corrieredellosport.it
09/17/2015 19:15
corrieredellosport.it

NAPOLI - Cristiano Giuntoli difende il suo lavoro. Il ds azzurro, per la prima volta dopo la chiusura del mercato, fa sentire la sua voce: "Generalmente non sono mai soddisfatto del lavoro che faccio, ero insoddisfatto anche l’anno scorso, poi alla fine ho vinto il campionato con il Carpi - dice il direttore sportivo a Sky prima del match d'Europa League con il Bruges -. Io non sono mai soddisfatto, però penso che abbiamo puntellato la difesa perché abbiamo preso Pepe Reina che, a detta di tutti, penso che sia uno dei più forti portieri del mondo. Abbiamo preso un difensore esterno (Hysaj, ndr) che può giocare a destra e a sinistra, del ’94, facendo un ottimo investimento, che ha caratteristiche diverse rispetto ai nostri terzini che sono più offensivi. Abbiamo preso Chiriches che ha un grande valore a livello internazionale, si adatterà tranquillamente agli schemi di Maurizio Sarri, perché è bravissimo a campo aperto, è bravissimo a impostare il gioco. Abbiamo rinforzato il centrocampo con Allan, che era una delle mezze ale più importanti del campionato scorso, un regista come Valdifiori.


"Io penso che sia stato un mercato oculato e intelligente, in cui siamo andati a intervenire dove occorreva - continua Giuntoli - . Alla fine, i risultati saranno quelli che contano, secondo me la crescita e la gestione di tutta la squadra sarà importante. Voglio fare anche un paragone rispetto all’anno scorso: ero per sbaglio a vedere Empoli-Napoli e mi ricordo di tantissime occasioni da gol da parte dell’Empoli contro le poche del Napoli, fu persa per 4-2. Domenica il risultato finale è stato di 2-2, ma penso che il Napoli abbia fatto il Napoli e l’Empoli abbia fatto l’Empoli. Ho visto il Napoli tirare tante volte in più in porta, ho visto una manovra, ho visto una squadra organizzata. Sarri lo conosciamo, ha bisogno di tempo per mettere mano alla squadra".

Argomenti correlati