Calciomercato Napoli, Witsel apre a Sarri e va in pole position

Il padre del belga: «Il Napoli è un grande club. Vediamo come si evolve la situazione. C’è reciproco interesse»

corrieredellosport.it
07/04/2016 09:11
corrieredellosport.it

NAPOLI - La settimana più calda dell'estate. Una delle più calde, sì, facciamo così: è quella che oggi comincerà e che giorno dopo giorno porterà il Napoli a cominciare ufficialmente la stagione, tra raduno e ritiro, e a sciogliere una serie di nodi che in questo momento stanno caratterizzando il mercato. Soprattutto a centrocampo: e tra i dubbi di Piotr Zielinski e la tormentata trattativa con il Porto per Hector Herrera, ora è il caso Axel Witsel a tenere banco. Le parole di suo padre, di apertura nei confronti del club azzurro, hanno obbligato a una profonda riflessione. E a inaugurare un testa a testa con Herrera che potrebbe-dovrebbe portare qualcosa di interessante. E di importante.


FATTORE CHAMPIONS - E allora, sotto con il belga. Il protagonista di un summit andato in scena qualche giorno fa a Bruxelles tra il padremanager del centrocampista dello Zenit e della Nazionale, al momento della riunione ancora impegnato all'Europeo francese, e il ds Giuntoli. Una chiacchierata fruttuosa, stando al riassunto delle puntate precedenti redatto da Witsel senior: «Sì, positiva: il Napoli è un grande club e potrebbe esserci l'interesse di entrambe le parti. Vediamo come evolverà la situazione ». E soprattutto cosa accadrà con la concorrenza: Inter, in Italia; Everton e Liverpool in Premier. Con una discriminante: la Champions. Competizione che, tra le pretendenti, toccherà esclusivamente al Napoli. I contatti sono continui: sia con lo Zenit, sia con l'entourage di Witsel (27). Che, prima di sedersi al tavolo dei negoziati, ragionava sulla base di uno stipendio di partenza da 4 milioni di euro. O giù di lì. Uno sproposito.

Argomenti correlati