Napoli, Berardi e Politano: due nel mirino

Uno è sfumato a gennaio e ora attenti all’altro

corrieredellosport.it
03/30/2018 07:47
corrieredellosport.it

ROMA - Eppure tornano, anche nell’immaginario collettivo, ombre che s’allungano di qua e di là, tra il passato (il presente) e il futuro: Sassuolo-Napoli, e volete che non sia (innanzitutto) la loro partita, i soggetti di un desiderio bollente, i protagonisti di un’estate e poi di un inverno fa, le opzioni dissoltesi nel nulla, perché al mercato va (anche) così. Si scrive Berardi o anche Politano e ci si ritrova nella nebbia più densa che mai di nottate consumate a inseguirsi nella Milano da bere tutta d’un fiato, un pacco di milioni di euro e via, affare (dis)fatto: è successo, e ripetutamente, che Sassuolo e Napoli ci abbiano provato e magari capiterà ancora, ma è andata sempre maluccio, per chiunque, perché ognuno s’è portato appresso qualche rimpianto. A Domenico Berardi, un giovane (24 ad agosto) reso «vecchio» dalle sue duecento presenze con la maglia del Sassuolo, il Napoli ci pensato spesso e volentieri e a un certo punto pareva tutto definito: un bel po’ di soldi, a cui aggiungere il colombiano Zapata, perché tutti vivessero felici e contenti.


SI RICOMINCIA - Ma è stato tutto breve come un sogno e Berardi, alla fine, è rimasto a Sassuolo, lasciando al Napoli la speranza che qualcosa possa mutare nella prossima estate, quando si ripartirà alla caccia di un esterno offensivo geniale. C’è una lista lunghissima, con tante preferenze: si parte da Chiesa e da Denis Suarez e Verdi, che restano in primissima fila, però si aggiunga anzi, al loro fianco Berardi, ch’è fatto della stessa pasta, e semmai Politano, che invece due mesi fa s’è dovuto togliere la maglia del Napoli da dosso proprio sul suono della sirena, alle ventitré meno qualche minuto del 31 gennaio.

Argomenti correlati