Napoli, Sarri: «Non si può rinunciare mai a Insigne»

L'allenatore partenopeo dopo la vittoria contro lo Shakhtar parla di Lorenzo: «È uno di quei giocatori che vanno tenuti fuori delle rotazioni: a volte una ventina di minuti di riposo glieli concedo, ma ammetto che faccio fatica» 

corrieredellosport.it
11/21/2017 23:05
corrieredellosport.it

NAPOLI - La vittoria del Napoli al San Paolo contro lo Shakhtar soddisfa chiaramente Maurizio Sarri: «La prestazione è stata buona - dice il tecnico partenopeo ai microfoni di Premium Sport -, anche se abbiamo fatto 30-35 minuti in difficoltà per via del palleggio dei nostri avversari. Nel secondo tempo, quando siamo riusciti a sporcargli le uscite dalla difesa, siamo cresciuti. Mi fa piacere la prestazione e mi fa piacere aver dimostrato che ci teniamo alla Coppa».


GLI OTTAVI - La qualificazione agli ottavi di finale di Champions League, però, non dipende dal Napoli: «Il nostro destino - continua Sarri - non è nelle nostre mani e ci dispiace: dobbiamo andare a vincere in Olanda e sperare in un risultato favorevole del City».


SUPER INSIGNE - Il tecnico è pienamento contento anche, e soprattutto, della prestazione di Insigne: «Se è al livello dei giocatori delle big europee? È un giocatore di livello internazionale - spiega Sarri -, uno di quelli che vanno tenuti fuori delle rotazioni: a volte una ventina di minuti di riposo glieli concedo, ma ammetto che faccio fatica».

MAGGIO OK - «Sono contento - conclude il tecnico - anche della prestazione di Maggio: non è facile farsi trovare pronto a questi livelli, dopo aver giocato un po’ poco. Cosa scrivevo sul taccuino dopo 30 secondi di partita? Stavo facendo l’elenco della spesa per domani mattina...».

Argomenti correlati