Coppa Italia, Giudice Sportivo: 2 giornate di squalifica a Sarri

Il tecnico dovrà scontare la squalifica in Coppa Italia: multa di 5 mila euro per Mancini

corrieredellosport.it
01/21/2016 15:25
corrieredellosport.it

ROMA - Due giornate di squalifica da scontare in Coppa Italia e 20 mila euro di multa a Maurizio Sarri "per avere pesantemente insultato" Mancini: è la decisione del giudice sportivo Gianpaolo Tosel, dopo la lite al termine di Napoli-Inter. Al tecnico dei nerazzurri è stato inflitta una multa di 5.000 euro. Il giudice sportivo ha deciso sulla base dei referti degli ispettori federali e sul rapporto arbitrale: Sarri infatti è stato squalificato "per avere, al 47° del secondo tempo, rivolto all'allenatore della squadra avversaria epiteti pesantemente insultanti; infrazione rilevata dal quarto ufficiale e dai collaboratori della procura federale". Le parole di Sarri non sono state dunque ritenute di discriminazione sessuale. 



MANCINI - A Mancini è stata inflitta una multa di 5.000 euro per avere, sempre al 47° del secondo tempo del quarto di Coppa Italia Napoli-Inter "tenuto un atteggiamento intimidatorio nei confronti dell'allenatore della squadra avversaria che l'aveva insultato; per avere inoltre, al termine della gara, negli spogliatoi, rivolto al Quarto Ufficiale un'espressione irriguardosa".


LA REAZIONE DEL NAPOLI - Dopo le molte reazioni dal mondo del calcio e non solo, il Napoli prende la parola sul caso Sarri-Mancini. Ecco il comunicato ufficiale degli azzurri: "La decisione del Giudice Sportivo presso la LNP Serie A di Milano acclara formalmente l’assenza di qualsiasi connotazione razzista ed omofoba nelle parole pronunciate dal Mister Sarri nei riguardi dell’allenatore della squadra avversaria durante la gara di Tim Cup di martedì 19 u.s..Conoscendo lo spessore umano e culturale del proprio Allenatore, il Napoli non ha mai nutrito alcun dubbio in merito e ritiene che il pentimento per le parole proferite, manifestato ripetutamente e pubblicamente da Sarri, attesti ancora una volta le qualità personali e la capacità di autocritica dello stesso. Escluso pertanto perentoriamente che le parole di Maurizio Sarri potessero essere espresse con spirito discriminatorio si auspica che l’allenatore dell’Inter possa accogliere le scuse più volte manifestate e che le vicende puramente sportive dei rispettivi Club tornino a concentrare l’attenzione dei media e del pubblico".


STRISCIONE PRO SARRI - Si grida allo scandalo per chi dice finocchio, ma per Vesuvio e terrone chiudiamo un occhio! *#iostoconsarrì. È il testo di uno striscione apparso la scorsa notte davanti all'ingresso della sede del Calcio Napoli, presso il Centro Tecnico di Castel Volturno. I tifosi che lo hanno esposto fanno parte di quel nutrito gruppo di sostenitori azzurri che ha utilizzato negli ultimi giorni l'hashtag #iostoconsarri per sottolineare il proprio sostegno e solidarietà nei confronti del tecnico toscano, dopo il diverbio con Mancini. L' hashtag #iostoconsarri ha fatto registrare fino ad ora diverse centinaia di tweet favorevoli a Sarri e critici (e spesso offensivi) nei confronti del tecnico dell'Inter.


PAROLE MANCINI - L'allenatore dell'Inter esprime il suo pensiero attraverso il suo sito ufficiale: "Le esternazioni nel dopo gara di Napoli sono semplicemente in linea con la mia storia e la mia cultura calcistica. Non chiedo di condividere il mio modo di stare nel calcio, ma pretendo rispetto: in queste ore si sta montando una polemica e si stanno creando fazioni che spostano l’attenzione dal vero problema! Per questo vorrei che si mettesse un punto a questa storia che è stata oggetto di fin troppe strumentalizzazioni. Non ultima quella secondo cui, 15 anni fa, sarei stato perfino autore dello stesso insulto nei confronti di un giornalista, cosa non vera: non ho mai utilizzato quel termine perchè non ha mai fatto parte del mio linguaggio. Ribadisco la mia delusione, ma vorrei che la concentrazione tornasse ora sui nostri obiettivi sportivi e sulla prossima partita, fondamentale per il prosieguo della stagione dell'Inter."

Argomenti correlati