Europa League Napoli in campo: Grassi lavora in gruppo

Gli azzurri cominciano a mettere nel mirino il prossimo impegno: c'è il Villareal all'orizzonte. Sarri alle prese col nodo turnover

corrieredellosport.it
02/15/2016 17:38
corrieredellosport.it

NAPOLI - Ripresa dei lavori in casa Napoli: appuntamento a Castelvolturno nel pomeriggio di oggi con due impegni nel mirino. Il più prossimo in ordine cronologico è quello che vedrà gli azzurri in scena contro il Villarreal al Madrigal per l'andata dei sedicesimi di Europa League di giovedì alle ore 19. Sullo sfondo, poi, l'impegno con il Milan, in programma lunedì 22 alle ore 21. Il programma odierno osservato dalla squadra di Sarri, che ha messo alle spalle la gara con la Juventus e guarda subito al futuro, ha visto la rosa a disposizione suddividersi in due gruppi. I giocatori impegnati a Torino nel big match coi bianconeri hanno effettuato un lavoro di scarico, mentre tutto il resto del gruppo ha svolto esercizi di attivazione e serie di partitine 6 contro 6. Grassi ha svolto l'allenamento odierno assieme con il resto del gruppo. Per domani è in programma una nuova seduta pomeridiana.


POSSIBILI SCELTE - Il tecnico Sarri ha davanti a sé tre possibilità in vista della gara con il Villareal. La prima possibilità è probabilmente quella meno probabile: affidarsi ai titolarissimi. Che però devono riposare, dovendo poi, alcuni e quasi tutti, puntare dritto su Firenze. Seconda possibilità, il Napoli "formato Europa": struttura consolidata in difesa (Maggio, Chiriches, Koulibaly, Strinic), con David Lopez, Valdifiori, Chalobah in mezzo e la versatilità offensiva che ha caratterizato le scelte europee di Sarri. Il problema è che questa soluzione, ottima nella fase a gironi, diventa più complessa negli scontri diretti. E allora all'orizzonte c'è una terza possibilità: miscelare il meglio del campionato, quello che ha riposato di più (Allan, Hysaj, Ghoulam, Jorginho) e le alternative più importanti (Chiriches, Mertens), aggiungendo uno zoccolo duro della squadra-tipo (Reina, Koulibaly o Albiol): ne verrebbe fuori un turn-over moderato.


Argomenti correlati