Europa League Napoli, Sarri: Turnover? Chi scendera' in campo dovra' essere cattivo

Il tecnico azzurro in conferenza stampa, alla vigilia della sfida contro il Villarreal: Non so ancora chi giochera, ma siamo consapevoli di poter giocare alla pari con i grandi club europei

corrieredellosport.it
02/17/2016 19:09
corrieredellosport.it

VILA-REAL (SPAGNA) - «Non è cambiato nulla rispetto al match contro la Juventus. Abbiamo fiducia per il futuro perché abbiamo giocato alla pari con i bianconeri e adesso siamo consapevoli di poter giocare alla pari in casa dei grandi club europei». La carica di Maurizio Sarri, alla vigilia della trasferta spagnola di Europa League contro il Villarreal. «Non so ancora chi scenderà in campo – le parole del tecnico del Napoli -, so soltanto che chi giocherà darà il massimo. Abbiamo il 50% di possibilità di passare il turno, loro mi hanno sorpreso per la qualità degli uomini anche un po’ meno noti e per l’organizzazione di gioco. Per noi sarà difficile».


L’ex allenatore dell’Empoli, quest’anno, è alla prima apparizione europea: «Non ho grande esperienza internazionale, sicuramente nelle prossime due settimane qualche cambio faremo. Non voglio che si perda identità e convinzione nel raggiungere i risultati. Chi va in campo deve essere cattivo nella ricerca del risultato». Sulla squadra di Marcelino: «Credo sarà inevitabile concedere qualche occasione agli avversari perché hanno ragazzi di altissimo livello a prescindere da Soldado o Bruno Soriano. Faccio riferimento anche a quelli meno noti come Denis Suarez o Dos Santos. Mi piace molto Mario Gaspar, è destinato a una carriera di altissimo livello. Marcelino li allena molto bene, ma se giochiamo come sappiamo avremo le nostre chance».


L’obiettivo di Sarri? «Imporre il nostro gioco. Sarà importante la velocità, abbiamo perso qualcosa negli ultimi due match contro Carpi e Juventus. Ma possiamo giocare il nostro calcio e fare risultato contro chiunque e dovunque».

Argomenti correlati