Belgio, il direttore della Federazione belga: «Mertens è il futuro. Nainggolan? Le porte sono aperte»

Chris Van Puyvelde:  toccando diversi temi: «Non ci sono problemi tra Sarri e Martínez»

corrieredellosport.it
10/10/2017 15:10
corrieredellosport.it

NAPOLI - Chris Van Puyvelde, direttore tecnico della Federcalcio belga è intervenuto a "Radio Crc" toccando diversi temi, dal Napoli di Sarri al futuro della Nazionale belga: «Il Belgio vuole vincere la Coppa del Mondo. Abbiamo una buona squadra, le potenzialità per farlo e la voglia per arrivare il più lontano possibile, ma ci sono anche altre squadre attrezzate. Crediamo molto in Mertens qui nella Nazionale belga non solo per il presente, ma anche per il futuro. E’ cresciuto molto, è volenteroso, è allegro e fa gruppo e poi ha voglia di lavorare e crescere ancora. Conosco Mertens da tanti anni, da quando giocava nella seconda divisione olandese e quando lo andai a vedere, un amico mi disse che aveva il potenziale per diventare una star. Può fare la prima punta, ma ha talmente tante qualità che può fare la differenza in ogni ruolo». 


MERTENS - Sull'eccessivo impiego di Mertens nella Nazionale, Chris Van Puyvelde chiarisce: «Non ci sono problemi tra Sarri e Martínez. Anzi, invito l’allenatore del Napoli a visitare la nazionale belga. Credo che i due allenatori alla fine abbiamo parlato, c’è una grande relazione tra Sarri e Martinez e nessun problema di comunicazione. Mi farebbe piacere anche che Martínez fosse ospitato del Napoli per continuare questa relazione».


NANGGOLAN - L'esclusione di Nainggolan, uno dei migliori giocatori della serie A, ha destato scalpore: «Nainggolan fuori dalla Nazionale belga? No. Non prevedo il futuro - continua Chris Van Puyvelde - ma non è definitiva la scelta di chiudergli le porte. Ci saranno altre convocazioni e toccherà al ct del Belgio scegliere. Mertens titolare contro il Cipro? I giocatori non sanno chi giocherà stasera. Sappiamo che ci sono giocatori importanti nel Belgio, scoprirete stasera se Mertens giocherà, ma sappiamo che ha giocato partite importanti anche nella Nazionale».

Argomenti correlati