Procura Figc archivia l'indagine sul Napoli

L'archiviazione, con una lettera firmata dal procuratore federale Pecoraro, è stata comunicata alla società oltre che a De Laurentiis

corrieredellosport.it
11/07/2017 15:03
corrieredellosport.it

NAPOLI - La Procura Federale della Figc ha disposto l'archiviazione del procedimento riguardante giocatori del Napoli, «al termine di accertamenti relativi a quanto riportato da articoli di stampa su presunti rapporti tra calciatori della Ssc Napoli ed appartenenti alla criminalità organizzata». L'archiviazione, con una lettera firmata dal procuratore federale Giuseppe Pecoraro e dal suo aggiunto Gianfranco Melagrani, è stata comunicata alla Ssc Napoli, oltre che al presidente, al direttore generale ed al segretario della Figc: l'iscrizione era avvenuta nel registro dei procedimenti della Procura federale il 26 giugno scorso.


Stamattina, a Roma è stato ascoltato come testimone il presidente, Aurelio De Laurentiis. «Le indagini relative al procedimento in oggetto - si evidenzia nella comunicazione - si sono concluse e, allo stato, non sono emesse fattispecie di rilievo disciplinare». «Con provvedimento a parte e previa condivisione dello stesso da parte della Procura generale dello Sport è stata disposta l'archiviazione del procedimento stesso».


L'AVVOCATO DEL NAPOLI - «Confermo che le accuse a De Laurentiis sono decadute - dice l'avvocato del Napoli, Mattia Grassani a Radio Kiss Kiss -. Sono stati sentiti nel corso del tempo calciatori e dirigenti del calcio Napoli e mancava solo De Laurentiis da ascoltare. La Procura ha chiuso la pratica oggi pomeriggio e le accuse ci sembravano da sempre infondate. Tutto è bene quel che finisce bene ed anche il sospetto è stato spazzato via. Al momento non vedo la necessità di altre indagini, sono stati impegnati in questo senso diversi procuratori federali. Non ci sono né i motivi né i fatti per dare luogo ad ulteriori indagini. De Laurentiis si è sempre battuto per una buona selezione al San Paolo dei tifosi». 

Argomenti correlati