Milan, Mihajlovic si allontana. Il Napoli ora è pronto al sorpasso

Le incognite della rosa e le incertezze sul futuro della società allungano i tempi delle scelte e tolgono appeal al club

gazzetta.it
04/16/2015 14:38
gazzetta.it
GENOVA - Non sempre tre indizi fanno una prova ma spesso si avvicinano molto alla verità. Sinisa Mihajlovic si allontana dal Milan che lo ha seguito e corteggiato a lungo nell'ultimo mese e mezzo. E il Napoli potrebbe approfittarne.

I capelli bianchi - Il primo indizio sta nella conferenza pre Milan-Samp in cui il tecnico serbo ha scherzato ma non troppo: "Sono contento per il mio amico Inzaghi che ha tenuto duro nel momento di difficoltà, questa esperienza lo fortificherà anche se ha messo un po’ di capelli bianchi. Le panchine delle milanesi fanno invecchiare prima basta guardare lui e Mancini, io invece mi sento ancora giovane…”. Una maniera simpatica per dire no grazie? Sì, secondo molti. La proposta di un club come il Milan certo inorgoglirebbe chiunque, ma Mihajlovic che di orgoglio ne ha già tanto di suo, bada al sodo e dopo le due splendide stagioni alla Samp cerca un progetto solido, sicuro. Una squadra da portare al successo con qualche innesto, più che da ricostruire attraverso un ampio via vai di giocatori. E la situazione del Milan società e squadra in questo momento presenta poche certezze. Un possibile passaggio proprietà, nuovi investitori stranieri con poca conoscenza del calcio italiano, l'inevitabile confusione di ruoli, una tifoseria stanca di aspettare.

Il salva-pippo - Il secondo indizio è quello che porta alle parole di Adriano Galliani, fino ad oggi il maggior sponsor di Mihajlovic nel Milan: “Inzaghi se farà bene da qui alla fine della stagione può restare sulla panchina del Milan anche il prossimo anno…”. Frasi di circostanza per coprire Pippo e lasciarlo tranquillo da qui alla fine? Forse, se non ci fosse anche il terzo indizio, il più pesante, quello con cui Galliani ha fatto capire che le scelte di Berlusconi sul futuro societario del Milan sono vicine. La cessione totale del club o del pacchetto che ne garantisce il controllo delle scelte potrebbe avvenire a breve. Una delle due cordate asiatiche interessate ha previsto nel progetto l’inserimento di Paolo Maldini come responsabile dell’area tecnica, figura incompatibile con quella di Galliani. Se così fosse non sarebbe più l’attuale a.d. rossonero per l'area sportiva a scegliere il futuro tecnico, ma Maldini. Insomma, i tempi della scelta del nuovo allenatore del Milan sono legati a quelli della cessione della società. Risultato: per il momento tutto fermo in attesa di capire chi avrà voce in capitolo. Con Inzaghi che respira e gli altri pretendenti alla finestra.

Don Aurelio all'attacco - Ma è in queste settimane che molte società stanno impostando il futuro. Tra queste c’è il Napoli di De Laurentiis che si separerà da Benitez (sempre più vicino secondo rumors inglesi alla panchina del City) e che ha messo Mihajlovic in cima alla lista dei desideri per il prossimo anno. Don Aurelio è convinto di riuscire a convincere Sinisa e superare così il Milan costretto a una fase di stallo. De Laurentiis cerca un tecnico di grande personalità e di carattere capace di guidare un gruppo troppe volte distratto quest'anno. Identikit perfetto di Mihajlovic. Anche in questo caso sono tre gli indizi che lo avvicina al Napoli. Il progetto: l'ossatura del Napoli è già di alto livello va solo ritoccata, e l'obiettivo di Mihajlovic il prossimo anno è lottare per lo scudetto. Secondo indizio la situazione ambientale: per carattere focoso e guascone Miha potrebbe avere più affinità con la tifoseria partenopea che lo accoglierebbe senza quei dubbi che potrebbe avere quella rossonera visto il passato interista del tecnico. Terzo indizio: il Napoli infine oltretutto disputerà quasi certamente le coppe europee. Tutti temi che potrebbero soddisfare il palato di Mihajlovic che in ogni caso ripete di non avere fretta e di pensare solo alla Samp da portare in Europa. Ma De Laurentiis adesso sa di potersi giocare carte importanti...

Argomenti correlati