Celebravano Shaqiri e Doumbia, ma è azzurro il vero craque del mercato di gennaio

Non serve, in attacco siamo a posto cosi. Questo, mediamente, il commento dell'opinione pubblica all'arrivo a Napoli di Gabbiadini.

tuttonapoli.net
04/20/2015 11:45
tuttonapoli.net

NAPOLI - Non serve, in attacco siamo a posto così. Questo, mediamente, il commento dell'opinione pubblica all'arrivo a Napoli di Manolo Gabbiadini, prelevato dalla società azzurra dalla Sampdoria, e dalla Juventus, per circa 13,5 milioni di euro. Era stato bollato come un buon acquisto, ma niente che potesse spostare gli equiilibri, e la società era stata invitata ad investire quel denaro in altri ruolo. Nello stesso periodo, poi, la stampa nazionale e locale aveva celebrato i colpi di Inter e Roma, che avevano portato in Italia Xherdan Shaqiri dal Bayer Monaco e Seydou Doumbia dal CSKA Mosca. 


Celebrati come i colpi del mercato invernali, i due dopo quattro mesi hanno racimolato in combinata appena una rete in campionato, il calcio di rigore calciato da Shaqiri sul campo dell'Atalanta. Impatto totalmente diverso per Gabbiadini, che al Napoli ha già segnato tante reti decisive, andando a segno in 7 occasioni tra campionato e coppe nonostante un minutaggio molto contenuto. Numeri eccezionali, repertorio da attaccante di primissimo livello per il classe '91, che sembra migliorare di gara in gara. Il vero craque del mercato di gennaio non dovete cercarlo a Milano o nella capitale. L'indirizzo da tenere presente è il San Paolo, veste la maglia azzurra numero 23.

Argomenti correlati