Napoli, Benitez mai così in basso

Da sei anni gli azzurri non subivano quattro gol in una sola partita

corrieredellosport.it
05/01/2015 10:19
corrieredellosport.it
EMPOLI - Oh, Dio, come sono caduti in basso: quattro reti, tutte in una volta, non era mai accaduto, né con Benitez e né tantomeno negli ultimi sei anni; non succedeva dal 2009, da Marassi, dal 4-1 del Genoa sul Napoli di Donadoni. E però era successo altro, quest’anno: era capitato di essere travolti da un insolito destino, nel mare magnum delle disattenzioni difensive, perché tre gol li aveva fatti l’Athletic Bilbao e e poi il Palermo (al San Paolo), li aveva concessi al Cagliari (a Fuorigrotta) e poi alla Juventus, e il Palermo (alla Favorita) e nessun altro ancora, perché ad un certo punto c’era stata l’inversione di tendenza, era arrivata con la Fiorentina ed era passata per il trionfo di Wolfsburg.


CHE BOTTA - Questo è il momento delle analisi che impietosamente avanzano nel tabellino dei gol subiti: sono quarantré, una enormità per una grande che si è sfaldata per la settima sconfitta esterna, che s’è concessa il «lusso» di due autoreti, che ha stravolto sé stesso, ciò che aveva elegantemente disegnato appena quattro giorni prima con la Sampdoria. E’ questo il Napoli che non ti aspetta, una squadra che sa essere il dottor Jekyll e mister Hide, che vive un periodo da leoni e poi smette di ruggire, si fa paura da solo: in trasferta, paradosso, non era andata poi così male, fino a ieri sera erano «appena» diciassette gol presi, quanti la Lazio, tre in più della Roma e val la pena di lasciar perdere la Juventus che appartiene ad un’altra galassia; ora siamo a ventuno, perché l’aritmetica fa opinione e non concede attenuanti e strapazza Koulibaly, ne spiega l’accantonamento, ne attenua l’immagine che aveva folgorato all’impatto, lo riconduce gerarchicamente alle spalle degli altri, di Britos (due autoreti stagionali), di Albiol (due autogol consecutivi).

Argomenti correlati

Altre Notizie
27/10/2018 08:37 - Koulibaly: «Song'e Napule»