Napoli, Mertens e David Lopez: Scudetto possibile

I due azzurri: Battiamo l'Atalanta per chiudere bene l'anno. A maggio faremo i conti

corrieredellosport.it
12/18/2015 17:10
corrieredellosport.it

NAPOLI - «Siamo concentrati al cento per cento sulla partita contro l'Atalanta, l'ultima dell'anno: vogliamo vincerla, andiamo a Bergamo per i tre punti. Non guardiamo alle altre squadre, dobbiamo pensare solo al Napoli, quando abbiamo vinto 8 partite siamo andati al primo posto, questo è quello che conta». Così Dries Mertens in un'intervista a Sky Sport 24. Il belga, passando anche per Euro 2016 («Sicuramente un gruppo difficile, ma in fondo lo sono tutti. Spero che passino il turno Belgio e Italia»), si esalta parlando della sua squadra: «Io voglio sempre giocare, è il mio obiettivo, ma come ho sempre detto per vincere c'è bisogno di 18-25 giocatori, si vince così e noi tutti siamo qui per far bene per il Napoli e per vincere. Ho segnato tanti gol partendo da titolare, nelle occasioni che ho avuto ho fatto bene e devo continuare così. Il prossimo anno voglio divertirmi e divertire la gente, quel che conta è stare bene, giocare e fare gol: certo, vincere lo scudetto sarebbe la degna conclusione».


DAVID LOPEZ - A fare eco all'attaccante il suo compagno di squadra David Lopez, intervistato a Radio Kiss Kiss: «Vogliamo chiudere bene un anno bellissimo, a Bergamo daremo il massimo per far felici i nostri tifosi. Stiamo facendo le cose per bene, stiamo lavorando tantissimo, abbiamo costruito un gruppo meraviglioso e tutti vogliamo dare felicità a questa città. La nostra unione si vede anche in campo, anche a livello umano c’è una rosa affiatatissima e questo aiuta a raccogliere risultati».


Il centrocampista ha anche elogiato Sarri («All'inizio ho sofferto un poco perché io personalmente preferisco giocare in un centrocampo a due per le mie caratteristiche fisiche. Però Sarri mi ha fatto crescere tanto e mi sto trovando bene. Sto migliorando partita dopo partita e sono felice di giocare in questa squadra. Il mister ha fatto un grande lavoro anche mentale perché avevamo chiuso non bene la scorsa stagione e lui ci ha ridato fiducia. Poi in campo abbiamo un modulo diverso rispetto a quello di Benitez ed abbiamo seguito le sue indicazioni sin da subito. All'inizio del campionato non è stato semplice ma dopo abbiamo compreso benissimo il suo modo di giocare e stiamo viaggiando molto forte»), parlato del sorteggio europeo («Il Villarreal non è un avversario che avrei voluto. Conosco bene il loro modo di giocare, è un club di tradizione ed una squadra abituata al palcoscenico europeo. Però è anche vero che finora in Europa League siamo stati protagonisti, abbiamo grandi numeri e siamo consapevoli che possiamo arrivare lontano. Di certo la nostra volontà è di andare avanti su tutti i fronti. Questo Napoli ha le capacità e le potenzialità per disputare una grande stagione»), e fissato Maggio come mese in cui fare il bilancio: «Non guardiamo la classifica, nessuna squadra ha mai vinto qualcosa a dicembre, la strada è lunga e ciò che conta è capire dove saremo a maggio. Adesso dobbiamo pensare a questa gara a Bergamo e poi nel 2016 cercare di vivere un anno bellissimo». 

Argomenti correlati

Altre Notizie