Serie A, Sampdoria-Napoli 2-4: quinta vittoria di fila per Sarri

Gli azzurri a Marassi centrano il quinto successo consecutivo e riscattano l'eliminazione dalla Coppa Italia

corrieredellosport.it
01/24/2016 16:08
corrieredellosport.it

GENOVA - Una vittoria per dimenticare. "I titolarissimi" regalano a Sarri il quinto successo consecutivo in campionato, 4-2 alla Sampdoria, a pochi giorni dall'eliminazione in Coppa Italia contro l'Inter. La polemica con Mancini non ha lasciato tossine nello spogliatoio e la squadra lo ha fatto vedere a Marassi. Higuain, Insigne, Hamsik e Mertens firmano la vittoria che permette al Napoli di conservare il primato a prescindere dal risultato della Juventus contro la Roma questa sera allo Stadium. L'Inter intanto si ferma in casa con il Carpi al 92' e ora è a -6, insieme con la Fiorentina.


TITOLARISSIMI - Per la prima volta nel 2016 scende il campo il Napoli dei titolarissimi. La squadra tipo di Sarri, che in dieci gare ha collezionato otto vittorie un pareggio e una sola sconfitta con il Bologna. Hamsik, Insigne, Callejon, Higuain, Jorginho, tutti insieme. Del resto il tecnico toscano è uno dei pochi ad avere l'intera rosa a disposizione, senza nemmeno un indisponibile.


CASSANO-INSIGNE, HIGUAIN-EDER - Cassano nel suo momento migliore, si trova di fronte il suo grande amico Insigne: i due entrano in campo con i figli in braccio, mentre le mogli seguono il match insieme in tribuna. Higuain-Eder è l'altra sfida nella sfida: all'andata era finita 2-2 con due gol per parte. Anche stavolta il duello personale tra i due attaccanti è terminato in parità con una rete a testa, ma il Napoli ha portato a casa i tre punti. Nel frattempo il Pipita è salito a quota 21 gol in campionato in 21 partite, +9 su Eder secondo. E se non è arrivata la quinta doppietta nelle ultime sette gare è stato solo per un'insolita imprecisione sotto porta dell'argentino.


SUBITO NAPOLI - Il Napoli parte fortissimo, grazie anche all'aiuto di una Samp che evidentemente non ha recepito i richiami all'attenzione in difesa di Montella. Dopo quattro minuti Higuain tutto solo davanti a Viviano grazia i blucerchiati. Di solito il Pipita non sbaglia un'occasione del genere, ma la Sampdoria non fa tesoro dell'errore. Al 9' Barreto si addormenta e regala al bomber argentino un assist facile facile. Higuain stavolta non perdona. La Sampdoria è completamente in bambola e non riesce a reagire. Al 19' Barreto combina un altro pasticcio, atterrando in area Albiol. Dal dischetto non si presenta Higuain, ma Insigne, che non sbaglia anche se Viviano intuisce. Ferrero in tribuna è al telefono con una faccia preoccupata.


LA SAMP TORNA IN PARTITA - L'impressione è che il Napoli possa dilagare, solo Sarri non è tranquillo e sprona i suoi a non abbassare i ritmi. La preoccupazione del tecnico non era infondata, perché va a finire esattamente come temeva. La sua squadra rallenta proprio quando potrebbe dare il colpo di grazia all'avversario e sul finire del primo tempo subisce il gol in contropiede di Correa che riapre la partita.


HAMSIK, CHE GOL - In avvio di ripresa ha subito un'occasione il Napoli con Higuain che si scontra con Viviano, uscito al limite dell'area per evitare il gol. La Sampdoria è più viva, ma al 58' Cassani compromette ogni speranza di rimonta prendendosi il secondo giallo per un fallo a centrocampo inutile su Insigne. Montella si infuria per l'ingenuità del suo difensore, arrivata nel momento migliore per la Sampdoria. Nemmeno un minuto dopo Hamsik si inventa un gol pazzesco. Slalom in area in mezzo a tre e tocco con la punta a beffare Viviano, come a calcetto.


EDER E MERTENS - Il Napoli sembra in pieno controllo del match, ma si rilassa troppo. Al 72' la difesa si fa beffare da Eder, che anticipa tutti di testa. Anche Reina non è esente da colpe. Al 78' Higuain si divora un altro gol facile dopo aver saltato Viviano. Nemmeno il tempo per arrabbiarsi e Mertens chiude i giochi, stavolta definitivamente, con un diagonale perfetto. La potenza offensiva del Napoli si è vista tutta oggi a Marassi: 44 gol fatti in 21 partite, numeri impressionanti. La difesa incassa gol da cinque partite consecutive, oggi ne ha presi due, ma con questo attacco non può preoccupare più di tanto. A Napoli si continua a sognare.

Argomenti correlati

Altre Notizie
10/04/2018 08:09 - Insigne-Raiola, timore sottile