Serie A, Juventus-Napoli 1-0: Zaza regala il primo posto

La rete dell'ex attaccante del Sassuolo - entrato nella ripresa - decide la supersfida scudetto dello Stadium. Allegri a 57, Sarri a 56. Non è ancora finita

corrieredellosport.it
02/13/2016 22:38
corrieredellosport.it

TORINO – Ci si aspettava la partita dell’anno, o meglio le ennesime, di Higuain o Dybala. È stata invece quella di Simone Zaza, entrato nel corso della ripresa, che ha regalato con la rete nei minuti finali la quindicesima vittoria consecutiva e il primo posto alla Juventus. Adesso Allegri guarda Sarri dall'alto, anche se con un solo punto in più. Bianconeri a quota 57, azzurri a 56.


KHEDIRA RECUPERA - Sorride, Allegri. Il tecnico della Juventus ha miracolosamente recuperato Sami Khedira dopo la lesione all’adduttore. Difesa a quattro con Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli ed Evra. In mezzo al campo, insieme al tedesco, c’è Marchisio. Ai lati agiscono Cuadrado e Pogba.


La coppia d’attacco è composta da Dybala e Morata. Solito undici per Maurizio Sarri. Davanti a Reina giocano Hysaj, Albiol, Koulibaly e Ghoulam. Centrocampo a tre con Allan, Jorginho e Hamsik. Il trio delle meraviglie è quello formato da Callejon, Higuain e Insigne, il migliore attacco del campionato a caccia del gol contro la migliore difesa del campionato.


PROVVIDENZA BONUCCI - L’hanno preparata talmente bene i due allenatori che l’occasione più ghiotta è un non tiro, ed è il prodigioso salvataggio di Bonucci – nel giorno di Bolle a Sanremo - che si allunga e toglie, con la punta del piede, la palla dalla testa di Higuain, che avrebbe regalato in tutta probabilità il vantaggio alla squadra di Sarri.


E pensare che poco prima il centrale bianconero stava rischiando di salutare la partita per uno scontro fortuito con il compagno Khedira. La corsa, generosa, di Insigne non sempre si conclude nel migliore dei modi: all’11’ doppia gli avversari, ma non è in grado di premiare l’inserimento del Pipita.


ALBIOL A GIOCO FERMO - Cuadrado e Pogba tentano di smuovere la serata – il primo con un destro appena fuori dall’area, il secondo con un calcio piazzato –, ma sbattono contro l’attenta lettura di Reina. Al 36’ l’altra grande emozione dei 45 minuti iniziali, che capita sui piedi di Raul Albiol.


Lo spagnolo colpisce a botta sicura da due passi, Buffon risponde presente, ma il direttore di gara ferma tutto per la spinta dell’ex Real Madrid ai danni di Barzagli.


FUORI BONUCCI - La seconda frazione si apre all’insegna dello slalom di Insigne sulla pista dello Stadium. La serpentina del ‘Magnifico’, rigorosamente sulla sinistra, termina con la conclusione da posizione defilata che il portiere bianconero annulla senza problemi. I postumi del contrasto Bonucci-Khedira impongono il cambio (52’): a rimpiazzare il difensore è Rugani, che ritrova così il mentore Sarri.


OCCASIONE DYBALA - Entra Zaza (out Morata) e il più pericoloso è…Dybala. La Joya, ricevuta la sfera dall’illuminazione di Pogba, calcia di prima intenzione da centro area non inquadrando lo specchio della porta per un soffio (63’).


A un quarto d’ora dal termine Pogba perde palla in una zona rischiosa, ma Hysaj non ne approfitta perché il traversone è calibrato male e si perde. Insigne abbandona – solita staffetta con Mertens -, Hamsik impensierisce Buffon dalla lunga distanza (80’), ma il risultato rimane inchiodato sullo 0-0.


FESTA JUVE CON ZAZA - Marchisio si becca il giallo per aver bloccato la ripartenza di Mertens, Alex Sandro entra al posto di Dybala e all’88’ lo Stadium esplode per la rete di Simone Zaza. L’ex centravanti del Sassuolo si sposta il pallone sul sinistro e si rende protagonista di un bolide (complice la deviazione di Albiol) sul quale Reina non può nulla. Fischio finale e il sorpasso è servito.

10maggio87 TV

2019-20 - Serie A - Juventus-Napoli 4-3
2018-19 - Serie A - Juventus-Napoli 3-1

Argomenti correlati