Serie A Napoli, 4 giornate di squalifica a Higuain

L'argentino saltera' le sfide con Inter e Roma: questa le decisione del giudice sportivo. Un turno di stop anche per Sarri, Mertens e Koulibaly

corrieredellosport.it
04/05/2016 13:33
corrieredellosport.it

ROMA - Una giornata per l'espulsione dovuta alla doppia ammonizione e altre tre per la reazione successiva: è questo il provvedimento del giudice sportivo della serie A, Gianpaolo Tosel, a proposito del centravanti del Napoli Gonzalo Higuain. L'argentino, scrive nel suo dispositivo Tosel, al 31/o del secondo tempo subito dopo l'espulsione "ha rivolto all'arbitro un'espressione ingiuriosa e compiuto nei suoi confronti un gesto irriguardoso fronteggiandolo e ponendogli entrambe le mani sul petto", e ha poi "assunto un atteggiamento aggressivo nei confronti di un avversario, venendo trattenuto dai propri compagni di squadra". Alle giornate di squalifica sono stati aggiunti 20 mila euro di multa. 



GLI ALTRI SQUALIFICATI - Non solo Higuain nella stangata del giudice sportivo per il Napoli. Tosel ha infatti fermato per un turno l'allenatore Maurizio Sarri, colpevole di aver al 27/o del primo tempo "contestato platealmente l'operato degli ufficiali di gara rivolgendo loro reiteratamente espressioni ingiuriose", un atteggiamento, ricorda il giudice sportivo, "con recidiva specifica reiterata" e rilevato dal guardalinee. Una giornata di squalifica e' stata poi inflitta a Mertens e Koulibaly, in diffida e ammoniti durante la partita con l'Udinese.


Ecco la motiviazione ufficiale dopo la squalifica al Pipita:

"SQUALIFICA PER QUATTRO GIORNATE EFFETTIVE DI GARA ED AMMENDA DI € 20.000,00 HIGUAIN Gonzalo Gerardo (Napoli): doppia ammonizione per proteste nei confronti degli Ufficiali di gara e per comportamento scorretto nei confronti di un avversario (una giornata); per avere inoltre, al 31° del secondo tempo, all'atto dell'espulsione, rivolto all'Arbitro un'espressione ingiuriosa e compiuto nei suoi confronti un gesto irriguardoso (art. 19, n. 4 lett. a) CGS), fronteggiandolo e ponendogli entrambe le mani sul petto; per avere, infine, assunto un atteggiamento aggressivo nei confronti di un avversario, venendo trattenuto dai propri compagni di squadra (tre giornate e € 20.000,00 di ammenda)."

 

 

Argomenti correlati

Altre Notizie