Napoli, Sarri: «Juve? Come il Bayern in Germania e il Psg in Francia»

L'allenatore dopo la vittoria sul Bologna: «La differenza economica con la società bianconera è enorme. Milik? Ottimo giocatore, ma non lo paragono a Higuain. Il Pipita è il centravanti più forte del mondo»

corrieredellosport.it
09/17/2016 23:12
corrieredellosport.it

NAPOLI - «Primi in classifica? Questa cosa mi fa ridere perché la classifica è incompleta. Mi sembra una battuta. Non era un gara semplice perché il Bologna in salute». Maurizio Sarri analizza la vittoria del Napoli contro la squadra di Donadoni, arrivata per 3-1 grazie al gol di Callejon e alla doppietta di Milik. «Nel primo tempo dovevamo chiudere la gara, invece abbiamo lasciato in vita degli avversari che potevano già essere messi fuori partita – ha dichiarato il tecnico ai microfoni di Premium Sport -. Dopo il pari abbiamo sbandato un po’ ma poi ci siamo ripresi: per le occasioni create la vittoria è meritata».

SU MILIK - «Milik forte come Higuain? È un paragone che mi rifiuto di fare, perché è un ragazzo di 22 anni, alla prima esperienza in un campionato importante. Non posso paragonarlo a un giocatore straordinario che forse in questo momento è il miglior centravanti del mondo. Milik deve fare la sua strada, ha qualità tecniche, fisiche e umane enormi ma non deve assolutamente pensare di paragonarsi a Higuain». Per Sarri il ruolo di Milik è più che chiaro. «Non è un esterno – ha detto a Sky -. Non ha la continuità che chiediamo agli esterni. Da attaccante centrale attacca benissimo la porta e la profondità, lo vedo meglio in questo ruolo. Anche se a volte cambiare idea è sintomo di intelligenza. Hamsik stasera ha fatto venti minuti da centrocampista centrale. L’alternativa a Callejon? El Kaddouri e Giaccherini sono stati entrambi infortunati e lui ha dovuto fare gli straordinari».


LOTTA SCUDETTO - «La Juve farà il campionato che fa il Bayern in Germania, il Psg in Francia e Barcellona e Real in Spagna. Questa è la realtà. La differenza economica è molto vasta e se non fanno c.....». Una parola anche su De Laurentiis: «Non verrà al San Paolo? Basta che stia vicino alla società…». Il presidente, nel frattempo, si è congratulato via Twitter: «Bravi ragazzi e bravo Sarri. Un Napoli vincente e divertente».

Argomenti correlati