Serie A, il Napoli ha segnato più della Juventus, nonostante Higuain

La genialità degli artisti bianconeri e la perfezione dei meccanismi degli azzurri: modi differenti di segnare. E finora Sarri batte Allegri per numero di reti: 20-16

corrieredellosport.it
10/01/2016 09:07
corrieredellosport.it

ROMA - A vedere il Napoli viene da chiedersi quando giocherà male. In questa stagione lo abbiamo visto soffrire a Kiev sul piano tattico e a Marassi contro il Genoa su quello della corsa, ma nemmeno in quelle due partite ha giocato male, anzi. Il Napoli è una meraviglia che macina gioco e gol. Ne ha già fatti 20 fra campionato e Champions e mai una volta è rimasto senza segnare. Il suo attacco è corale e per questo diverso da quello della Juve. Certo che 8 gol in 24 ore di Champions, segnati in due gare da due squadre italiane è una merce rarissima. I campioni d’Italia hanno disfatto una squadretta, è vero, però se avessero speso tutte le loro energie (e non era proprio il caso), di gol ne avrebbe fatti anche una dozzina. I vice campioni d’Italia sono stati costretti a un lavoro più intenso, più complicato contro il Benfica, ma una volta davanti hanno straripato. Higuain, Pjanic, Dybala, Dani Alves, Hamsik, Mertens (due volte) e Milik, la seconda giornata di Champions è stata nostra (delle squadre italiane, intendiamo, anche se nessuno dei marcatori è italiano...). Trasportando questo tesoro di gol in campionato, quest’anno potremo divertirci anche in casa nostra. Se conta il peso specifico degli attaccanti, meglio la Juve; se conta il peso specifico del gioco d’attacco, meglio il Napoli. Almeno per ora è così.

DANI ALVES SU HIGUAIN

LA JUVE SI FA IN TRE PER ESALTARE HIGUAIN

IL CONFRONTO - La Juve, come un anno fa, vince partite che non domina, partite oscure, di attesa, ma le vince (due eccezioni: Inter e Siviglia) perché Higuain è unico e Dybala lo stesso. Perché pur non essendo ancora una coppia vera, completa, sono individualmente straordinari. Ma il Napoli come attacco è oltre. Pensavamo si fosse indebolito con la cessione di Higuain alla Juve prima di scoprire che Milik ha segnato finora due gol più dell’ex. Sarri ha risolto con brillantezza i problemi che si sono creati col cambio di centravanti, problemi che, per la verità, forse sono sorti a Castelvolturno perché in partita non si sono mai visti. Ha accentrato un po’ le due ali, più Mertens di Callejon, tantoché il belga si muove anche da seconda punta.

Leggi l'articolo completo sul CorrieredelloSport-Stadio in Edicola

Argomenti correlati