Udinese-Napoli 1-2: Insigne show, doppietta da tre punti

L'attaccante segna due reti inizio ripresa e regala la vittoria a Sarri. Perica accorcia, ma non basta

corrieredellosport.it
11/19/2016 19:35
corrieredellosport.it

UDINE - A volte bastano poche parole dare la sterzata giusta. In settimana aveva detto: "Sono ancora a zero gol? E' perché non mi fanno gli assist giusti". Detto, fatto: oggi ne avuti due e ha fatto doppietta (non segnava da aprile). Lorenzo Insigne decide così la sfida tra Udinese e Napoli alla Dacia Arena: vince la squadra di Sarri 2-1, con Perica che illude Del Neri di poter raddrizzare una sfida che si decide tutta in 13 minuti in favore degli azzurri, decisamente più in palla della squadra di casa.


NAPOLI SPUNTATO - Napoli senza centravanti, ancora una volta. Questa volta Gabbiadini non è nemmeno in panchina. Fermo ai box per quella contrattura che gli ha fatto saltare anche la Nazionale. Sarri si affida quindi al falso nove Mertens con Insigne e Callejon. A centrocampo Diawara vince il ballottaggio con Jorginho. In difesa Albiol non recupera e con Koulibaly c'è Chiriches. Del Neri sorprende tutti con la mossa Matos dal 1' e un 4-3-3 che prova a insidiare la difesa azzurra con la velocità del brasiliano abbinata alla potenza fisica di Zapata e Thereau.


TANTO POSSESSO - Il primo tempo è tremendamente noioso. Il Napoli fa possesso palla (72%), ma non tira mai in porta. L'Udinese si fa vedere un paio di volte con Zapata, ma Reina è attento.


INSIGNE SHOW - Comincia il secondo tempo e c'è un unico protagonista: Lorenzo Insigne. Il piccoletto con il numero 24 sulle spalle, ancora fermo al palo in termini di reti segnate, ne fa 2 in 10 minuti, ma rischia di farne addirittura quattro. Al 47' devia in porta un cross basso di Callejon per l'1-0 del Napoli, un minuto dopo colpisce in pieno la traversa con un gran tiro dal limite dell'area, al 56' mette alto da buona posizione, ma non sbaglia al 57', quando sfrutta uno svarione di Widmer su cross dalla trequarti di Hysaj e batte di sinistro Karnezis.


PERICA ACCORCIA - La reazione dell'Udinese è immediata: Perica, subentrato al 53' a Matos, ci mette 5 minuti a segnare, di testa, il gol dell'1-2 sugli sviluppo di un corner. Il Napoli ritrova subito le misure e concede poco. Sarri toglie Hamsik per Zielinski (72'), poi Insigne per Giaccherini. Mertens sfiora il gol con un rasoterra potente dalla distanza (salva Karnezis). L'ultima carta giocata da Del Neri è De Paul per Zapata (82'), ma l'uomo più pericoloso per l'Udinese è sempre Perica, che però sbatte su un Koulibaly quasi perfetto e un Diawara sempre più dentro i meccanismi di Sarri. Finisce così, con gli azzurri che tornano alla vittoria a Udine dopo 9 anni. Una bella iniezione di fiducia in vista del match di mercoledì al San Paolo con la Dinamo Kiev.

Argomenti correlati