Serie A, Napoli-Genoa 2-0: secondo posto con Zielinski e Giaccherini

La squadra di Sarri supera quella di Spalletti, portandosi momentaneamente a -6 dalla Juve. Succede tutto nella ripresa con la rete del polacco (50') e quella dell'esterno (68'). Mertens superstar, ora testa al Real

corrieredellosport.it
02/10/2017 21:48
corrieredellosport.it

NAPOLI - Un primo tempo giocato timidamente e un secondo giocato da Napoli. La squadra di Sarri batte il Genoa al San Paolo con le reti di Zielinski (50’) e Giaccherini (68’) superando la Roma in classifica e piazzandosi momentaneamente al secondo posto, a -6 dalla Juventus. Il miglior modo per prepararsi al grande evento: mercoledì al Bernabeu, nell’andata degli ottavi di Champions, si farà visita al Real. E nella notte di Madrid il tecnico potrà contare nuovamente su Callejon e Hysaj, oggi fuori per squalifica.


INSIGNE IL PIÙ PERICOLOSO - La Champions non costringe Sarri al turnover, a parte i due squalificati che sono rimpiazzati da Giaccherini e Maggio. Zielinski vince il ballottaggio con Allan e davanti, oltre all’ex juventino, ci sono Insigne e l’inamovibile Mertens. Il Genoa si presenta al San Paolo in modo ordinato e compatto, anche se al 39’ deve giocoforza operare il secondo cambio per i problemi fisici di Gentiletti e Veloso. L’attacco è guidato da Simeone e proprio dell’argentino è la prima vera conclusione del match, deviata in angolo da Koulibaly. Ghoulam al 22’ ci prova direttamente da calcio d’angolo incontrando la respinta coi pugni di Lamanna e poco più tardi la prodezza del centrale senegalese del Napoli (mezza rovesciata) termina a lato. C’è tutto il tempo per assistere alla doppia chance di Insigne, che inizialmente va vicino al vantaggio con un destro al giro sul primo palo e dopo – servito da Mertens – incrocia a lato bruciando in velocità Laxalt e Orban. E sul finale dei 45 minuti il sinistro centrale di Giaccherini non porta pericolo al portiere dei rossoblù.


ZIELINSKI E GIAK - Cos’abbia detto Sarri all’interno dello spogliatoio non è dato sapere, fatto sta che il Napoli torna in campo in modo più vivace e aggressivo. L’1-0 arriva al 50’: Mertens semina scompiglio in area, Hiljemark rinvia sui piedi di Zielinski e il polacco trova di potenza l’angolino alla sinistra di Lamanna. Il vice di Perin si supera sul belga e guarda il destro dalla distanza di Diawara che termina di un soffio a lato. Gli azzurri continuano a premiere verso la porta avversaria, lo fa anche Koulibaly che serve Insigne dopo una bella cavalcata: il tentativo del numero 24 è ancora neutralizzato da Lamanna. Ma il raddoppio è solo questione di minuti perché al 68’ Giaccherini non deve far altro che spingere in rete il perfetto assist di Mertens, fuoriclasse nel lasciare sul posto Burdisso. Il jolly di Sarri lascia poi il posto a Rog, mentre il secondo cambio di Sarri è Allan per Hamsik. La reazione a catena è alla fine ultimata dalla rotazione tra Mertens e Pavoletti. Ghoulam sfiora il tris su calcio di punizione, il risultato non cambia ma il viaggio della mente sì: ora c’è solo la Champions.

Argomenti correlati