Napoli, Sarri: «Andrò via quando finirà il progetto»

Il tecnico dopo la vittoria sul Cagliari: «Non sono d'accordo su chi dice che abbiamo un calendario più facile della Roma»

corrieredellosport.it
05/06/2017 20:54
corrieredellosport.it

NAPOLI - "Abbiamo un punto meno della Roma: se loro vincono sempre, noi non possiamo fare niente. E non sono d'accordo neppure con chi dice che il nostro calendario sia più semplice". Queste le parole del tecnico del Napoli Maurizio Sarri dopo la vittoria contro il Cagliari e il momentaneo sorpasso al secondo posto sulla Roma, che però deve giocare domani sera sul campo del Milan. "Il secondo posto dà la certezza della Champions ed è importante - ha sottolineato l'allenatore dei partenopei ai microfoni di Sky - anche se il primo posto è un'altra cosa".


MERTENS - "E' un giocatore straordinario, già lo era da attaccante esterno ma al centro ci ha fatto vedere qualcosa in più: ha numeri incredibili, sono felice per lui perché se lo merita". Ai microfoni di Premium Sport, Sarri ha poi commentato la partita con il Cagliari e parlato del futuro: "A livello di mentalità dobbiamo ancora crescere - ha spiegato il tecnico del Napoli - Abbiamo fatto una partita di altissimo livello dal punto di vista qualitativo, con però alcune cose che non mi fanno piacere: siamo stati leziosi in alcune situazioni e abbiamo regalato un gol, quindi c'è da migliorare ancora".


GLI STRISCIONI - "Gli striscioni dei tifosi napoletani? Li ringrazio, mi hanno sempre fatto sentire il loro attaccamento. Mi piacerebbe andare via quando finirà il progetto, ma in questo momento non mi interessa sapere nemmeno a quali panchine vengo accostato: non intavolerei nemmeno una trattativa senza prima parlarne con la mia società".

Argomenti correlati