Napoli-Bologna 3-1: Mertens show, Sarri scavalca la Juventus

Ospiti in vantaggio dopo 22'' con Palacio. L'autogol di Mbaye ristabilisce la parità, poi il belga decide il match con una doppietta

corrieredellosport.it
01/28/2018 16:58
corrieredellosport.it

NAPOLI - Il primato della Juve non dura neanche 24 ore. La testa della classifica se la riprende il Napoli, che in rimonta supera 3-1 il Bologna al San Paolo grazie a uno strepitoso Mertens e si riporta a +1 sulla squadra di Allegri. Sarri si ritrova sotto dopo 22 secondi, poi l'autorete di Mbaye e la doppietta del belga ribaltano il risultato.


CHIRICHES DAL 1' - Il Napoli è il solito, con l'eccezione di Chiriches al centro della difesa al posto dell'infortunato Albiol. Donadoni propone un Bologna senza destro, ma con il tridente composto da Verdi (accolto con indifferenza al San Paolo), Palacio e Di Francesco.


FUOCHI D'ARTIFICIO - Passano ventidue secondi e il Bologna va già in vantaggio. Dzemaili recupera palla e fa partire il contropiede: Di Francesco, con un cross pennellato di sinistro, trova il colpo di testa vincente di Palacio, che si infila tra Koulibaly e Mario Rui e batte Reina. Donadoni, però, perde Verdi dopo 3': l'oggetto del desiderio di mercato del Napoli si tocca la coscia sinistra ed è costretto a lasciare il campo per Krejci. Due minuti dopo, al 5', il Napoli pareggia: Palacio sporca un cross di Mario Rui e Mbaye, sulla linea, la spinge dentro nel tentativo di rinviare il pallone.


Il Napoli - sotto gli occhi del nuovo acquisto Younes - prende coraggio e spreca due occasioni: una con Callejon (sinistro sbilenco), l'altra con Allan (tiro debole da buona posizione), ma il Bologna non è da meno, in particolar modo con uno scatenato Palacio. L'argentino si vede negare il gol da una mano (attaccata al corpo) di Koulibaly, poi Mario Rui salva su Dzemaili. Al 27', sempre l'ex Inter ha la palla del vantaggio: la difesa del Napoli sale male e lui sfugge al fuorigioco e al tentativo di rincorsa di Chiriches. Davanti a Reina, però, si fa respingere la conclusione dal portiere spagnolo.


MERTENS SU RIGORE - Passato lo spavento, il Napoli riprende a macinare gioco. Gli azzurri passano in vantaggio al 37' con un rigore di Mertens, concesso da Mazzoleni per una trattenuta di Masina su Callejon. Il belga spiazza Mirante e firma così il suo 12° gol in campionato, il secondo consecutivo dopo quello decisivo all'Atalanta di una settimana fa. 

MERTENS A GIRO - Mertens, poi, decide di chiuderla da solo al 59': dopo uno scambio con Insigne, batte ancora una volta Mirante con un destro a giro da applausi. Il 3-1 demoralizza il Bologna, che non ne ha più per pressare e provare a impensierire il Napoli. Nell'ultima mezz'ora i rossoblù si fanno vedere solo con due conclusioni dalla distanza di Dzemaili e Pulgar, entrambe parate da Reina. Sarri, nel frattempo, inserisce Zielinski per Hamsik, Diawara per il diffidato Jorginho e Rog al posto di Insigne. Destro, invece, prende il posto di un esausto Palacio e Donsah quello di Poli. Il Napoli corre un ultimo rischio all'89', quando Pulgar, sugli sviluppi di un calcio piazzato, quasi sorprende Reina sul primo palo. Finisce 3-1 per gli azzurri: Sarri infila la sesta vittoria consecutiva in campionato, scavalca la Juve e torna in vetta da solo.


NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho (29’ st Diawara), Hamsik (21’ st Zielinski); Callejon, Mertens, Insigne. A disposizione: Rafael, Sepe, Maggio, Tonelli, Rog, Diawara, Giaccherini, Ounas. Allenatore: Sarri.

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Mbaye, De Maio, Helander, Masina; Poli (38’ st Donsah), Pulgar, Dzemaili; Verdi, Palacio (29’ st Palacio), Di Francesco. A disposizione: Ravaglia, Santurro, Keita, Krafth, Maietta, Crisetig, Nagy, Destro, Falletti, Krejci, Okwonkwo. Allenatore: Donadoni.

ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo

MARCATORI: 1’ pt Palacio (B), 5’ pt aut. Mbaye (B), 37’ pt (rig.) e 14’ st Mertens (N).

NOTE: Ammoniti: De Maio (B), Masina (B), Mario Rui (N). Angoli: 7-3 per il Napoli. Recupero: 2’ pt, 3’ st

Argomenti correlati