Ferrara: «Napoli super motivato, Juventus abituata a vincere»

L'ex difensore commenta così la lotta per lo scudetto: «Mi auguro che non sarà inquinata da altre cose»

corrieredellosport.it
02/12/2018 11:59
corrieredellosport.it

ROMA - "Al vertice la lotta è interessantissima e bella per quello che le due squadre che stanno proponendo". Ciro Ferrara, grande ex di Napoli e Juventus, analizza ai microfoni di 'Radio Anch'io Sport' su RadioUno la corsa allo scudetto delle prime due della classe. "Nessuna vuole mollare, con la Juve abituata a certi ritmi e l'altra con motivazioni fortissime - spiega l'ex centrale azzurro -. La qualità nel Napoli è nel gioco, la forza della Juve è in una rosa più competitiva e in una mentalità acquisita in anni di storia. Io però so cosa vuol dire avere motivazioni fortissime, e questo potrebbe superare il gap nella rosa e nell'abitudine al successo. Sarà una bella lotta che mi auguro non sarà inquinata da altre cose, senza polemiche".


Tante saranno le variabili nel lungo testa a testa: "Ora si rientra in una fase caldissima e si torna a giocare in Europa, con un dispendio di energie per entrambe le squadre. La Juve ha anche il ritorno in Coppa Italia e questo può influire, gli allenatori devono saper gestire bene le forze". Secondo l'ex mister bianconero, "lo scudetto è sempre importante ma la Juve ha come grande obiettivo, la Champions League. L'impegno di domani con il Tottenham è tostissimo, incontra una squadra che non e' da considerare inglese e che viene da tre risultati positivi in campionato. E' in forma e ha un centravanti (Kane, ndr) che è sempre un bel pericolo. Sarà una sfida interessante e dispendiosa".


"Questo è un anno importantissimo per il Napoli, ma come si fa a pensare di lasciare un obiettivo come l'Europa League per pensare solo al campionato... - conclude Ferrara -. Le vittorie aiutano a vincere e lasciare un obiettivo per un altro non dà la sicurezza di ottenerlo. Se fa bene Sarri a lamentarsi sempre? Sono schermaglie che ci sono sempre state, fa bene a difendere il suo ambiente". (in collaborazione con Italpress)

Argomenti correlati