Napoli, caccia al record di vittorie con la Spal

Gli azzurri possono stabilire il primato di successi consecutivi in Serie A (9). Torna l'"once de gala", ancora fuori Milik. Al San Paolo 35mila spettatori

corrieredellosport.it
02/17/2018 19:06
corrieredellosport.it

NAPOLI - La priorità è il campionato: lo sa Sarri, lo sa la squadra, lo sanno i tifosi. Domani il Napoli è chiamato a dimenticare il Lipsia e ripartire contro la Spal all’inseguimento del sogno scudetto. Il tecnico azzurro ha chiesto una reazione feroce, c’è da riprendere una marcia irresistibile che vede gli azzurri (insieme alla Juve) arrivare da una striscia di otto vittorie consecutive. Al San Paolo ci saranno almeno 35mila spettatori, in campo tornerà l’”once de gala” come dicono in Spagna, l’undici delle grandi occasioni.


TITOLARISSIMI - Giovedì in Europa erano andati in campo sei seconde linee, domani torneranno in campo tutti i titolatissimi. Oltre a Mertens, che in Europa League ha scontato un turno di squalifica, Albiol e Jorginho, assenti contro i tedeschi, partiranno dal primo minuto anche Mario Rui, Allan e Insigne. protagonisti in coppa solo nel finale di partita. Oltre agli infortunati Ghoulam e Chiriches, mancherà ancora una volta Milik, escluso ancora dalla lista dei convocati perché evidentemente ancora non in condizione di scendere in campo. A guidare l’attacco ci sarà ancora una volta Mertens che segna in campionato da quattro partite consecutive.


RECORD -  Una vittoria con la Spal darebbe al Napoli la possibilità di stabilire anche un altro record, quello di realizzare nove successi di fila nello stesso campionato, superando le otto vittorie consecutive ottenute sia quest'anno che nella stagione 2015-2016. Attualmente il Napoli è a quota 63 punti: nell’era dei tre punti a vittoria solo l’Inter nel 2006/07 (66) ha fatto meglio dopo 24 partite di campionato.


CONVOCATI - Questa la lista dei convocati da Sarri: Reina, Sepe, Rafael, Albiol, Mario Rui, Hysaj, Koulibaly, Maggio, Tonelli, Jorginho, Allan, Diawara, Hamsik, Rog, Zielinski, Callejon, Machach, Ounas, Insigne, Mertens.

Argomenti correlati