Serie A, Napoli-Spal 1-0: Allan sigilla la nona vittoria consecutiva

La squadra di Sarri si conferma al primo posto in classifica grazie a una splendida rete del brasiliano

corrieredellosport.it
02/18/2018 16:58
corrieredellosport.it

NAPOLI - Nona vittoria di fila, record del club in Serie A. Il Napoli si conferma al primo posto in classifica dopo il successo per 1-0 sulla Spal al San Paolo. Dimenticato il ko in Europa, gli azzurri tornano a sorridere in un piovoso pomeriggio 


CON I TITOLARISSIMI - Dopo la disfatta con il Lipsia, Sarri ripropone i "titolarissimi" dal primo, con Mertens che si riprende il ruolo di centravanti. In difesa si rivede anche Albiol, assente contro la Lazio. La Spal si affida a un 3-4-1-1 con Antenucci supportato da Kurtic.


NAPOLI FEROCE - Sarri aveva chiesto ai suoi una reazione feroce dopo il ko in Europa League e il Napoli, in effetti, comincia con il piede sull'acceleratore. Insigne (tiro a giro deviato) colpisce il palo già al 4', poi gli azzurri passano in vantaggio con un'altra azione da PlayStation, finalizzata da Allan, dopo un doppio triangolo prima con Insigne e poi con Callejon, che serve l'assist vincente per il quarto gol in campionato del brasiliano. Gli azzurri sfiorano il raddoppio con Callejon (bravo Meret sulla volée dello spagnolo) e con Koulibaly (tiro che sfiora il palo), poi gestiscono la gara, senza correre grossi pericoli. La Spal si fa vedere solo al 43' con un tiro da 20 metri di Viviani bloccato da Reina. Un minuto dopo Meret viene impegnato ancora una volta dalla distanza, stavolta da Hamsik.


HAMSIK GOL, GIALLO E VAR - Nel secondo tempo il Napoli cerca con un po' più di insistenza il raddoppio, ma non punge, se non al 63', quando trova il gol con un bel colpo di testa di Hamsik su Allan. Lo slovacco esulta rompendo la bandierina del corner e si becca il giallo da Gavillucci, che poi annulla il gol per fuorigioco dopo un silent-check con il VAR. Lo slovacco, poi lascia il campo per Zielinski al 71'. La Spal - da parte sua - non pressa affato e aspetta tutta nella propria trequarti per provare poi a ripartire in contropiede. Il problema, per gli uomini di Semplici, è che gli azzurri non glielo permettono mai e anzi, sfiorano in più occasioni il raddoppio: prima con Albiol (tiro ciccato da buona posizione al 74') e poi con Mertens, che sfiora l'incrocio da calcio piazzato (78'). Ci prova pure Insigne, con un'azione personale, a segnare il 2-0, ma per il 24 azzurro non è giornata (tiro che sfiora il palo). Finisce con Semplici che le prova tutte (dentro Floccari e Paloschi), ma non ne trova nessuna, perché i suoi non superano praticamente mai la trequarti e soprattutto non tirano mai in porta. E' così che Sarri infila la nona vittoria consecutiva e l'ennesimo record per il club. La Juve, almeno per un'altra settimana, resta a -1.

Argomenti correlati