Serie A: al Napoli basta Albiol contro la Spal

Nella 17esima giornata vittorie di misura per i partenopei al San Paolo

corrieredellosport.it
12/22/2018 16:20
corrieredellosport.it

NAPOLI - In vista delle prossime sfide ravvicinate (mercoledì 26 a San Siro con l'Inter e poi sabato 29 con il BolognaAncelotti fa turnover ma al San Paolo quasi non se ne aggorgono in una stagione in cui l'unico titolarissimo rimasto è Koulibaly. Otto i cambi rispetto alla vittoriosa trasferta di Cagliari: al fianco del senegalese in difesa c'è Maksimovic con Hysaj a destra mentre sulla corsia mancina viene confermato Ghoulam; in mediana riecco capitan Hamsik in coppia con Rog e sugli esterni ci sono il rientrante Callejon e il confermato Zielinski. In attacco si riforma il tandem Insigne-Mertens e in porta tocca invece all'ex di turno Meret. Sull'altro fronte Semplici - reduce dal deludente pareggio interno contro il Chievo e orfano dell'infortunato Missiroli - conferma il 3-5-2 ma cambia diversi interpreti: in regia c'è Valdifiori mentre in difesa Djourou prende il posto di Vicari e davanti Paloschi viene preferito a Petagna per affiancare Antenucci. Il Napoli parte bene e spaventa Gomis già al 7', quando Callejon pesca in area Rog che grazia però il portiere ospite. Quattro minuti dopo scatto di Zielinski sulla destra e servizio per Mertens il cui tiro viene respinto da Cionek sui piedi di Insigne, che non fallisce il tap-in ma vede poi annullarsi il gol per posizione di fuorigioco. La Spal si difende con ordine e non portano frutti i tentativi dalla distanza dei vari Rog, Insigne e Zielinski. Con il riposo ormai alle porte ci pensa allora Albiol a sprigionare l'urlo del San Paolo: corner calciato da Mertens e stacco imperioso del difensore spagnolo, che di testa spedisce il pallone in porta sul secondo palo. Dall'intervallo rientra in campo una Spal più coraggiosa ma Meret fa buona guardia prima su Vicari e poi su Lazzari, mentre al 69' Koulibaly va a un passo dal raddoppio sfiorando il palo con un colpo di testa. Alla squadra di Ancelotti (che protesta per un tocco di mano su cross di Insigne e nel frattempo inserisce Fabian Ruiz per Rog e Luperto per Ghoulam) serve il colpo del ko ma Mertens grazia i ferraresi all'82', quando colpisce il palo dopo un bello scambio con Insigne e il dribbling su Gomis. Un legno, quello del belga poi sostituito (all'83' dentro Diawara) che rischia di costare molto caro al Napoli, salvato due volte da Meret nel recupero: il portiere si supera prima al 91' su conclusione di Paloschi e poi al 93' su colpo di testa di Fares, mettendo così la sua firma sul quarto successo conseucutivo degli azzurri in campionato. 

Argomenti correlati