Parma-Napoli 0-2: Osimhen super, decidono Mertens e Insigne

Gattuso sbanca il Tardini all'esordio in campionato: l'ingresso del nigeriano nell'ultima mezz'ora cambia la partita

corrieredellosport.it
09/20/2020 13:41
corrieredellosport.it

NAPOLI - Con Osimhen è un altro Napoli. La vittoria del Napoli a Parma all’esordio in campionato arriva nella mezz’ora finale, quando Gattuso cambia volto alla squadra e manda in campo l’attaccante nigeriano, che non segna ma ha un impatto devastante sulla partita. I fatti spiegano bene il concetto: per un’ora il Napoli non ha fatto un tiro in porta, nel restante tempo ha segnato due gol, colpito un palo e creato occasioni da gol a ripetizione. La firma sul successo la mettono i soliti noti, Mertens e Insigne, ma l’andamento della partita porterà inevitabilmente Gattuso a delle riflessioni: quale versione del Napoli è da considerare quella base?


La prima versione del Napoli vista al Tardini non è per niente entusiasmante. Il solito controllo della partita, la supremazia nel possesso palla (63%) ma nessuna occasione creata. Mai un’accelerazione, un’invenzione, un lampo: una monotonia totale, in cui non riesce a incidere Insigne, tantomeno Mertens, un fantasma per un’ora. Il più pimpante del tridente è Lozano, che preme con continuità e cerca di creare qualcosa nel suo ruolo preferito di esterno destro alto. Un tiro altissimo di Fabian Ruiz è l’unico del primo tempo del Napoli, troppo poco per chi vuole vincere la partita. Non fa niente di particolare nemmeno il Parma, disegnato da Liverani con l’attacco pesante Cornelius-Inglese ma mai capace di impensierire Ospina.


Un’ora di gioco senza emozioni, che annoia i circa mille tifosi invitati sugli spalti. Poi la mossa di Gattuso che cambia faccia al Napoli e alla partita: dentro Osimhen per Demme e passaggio al 4-2-3-1. Bastano tre minuti per sbloccare il risultato, respinta corta della difesa emiliana e tap-in vincente di Mertens, al gol numero 126 in azzurro. Osimhen a tratti è imprendibile, ispira Insigne che colpisce un palo, poi Di Lorenzo che impegna Sepe da fuori e ci prova lui stesso di testa e con un diagonale di destro, entrambi di poco fuori. Il raddoppio è nell’aria e lo firma Insigne, alla sua partita numero 350 con il Napoli, con un altro tap-in dopo una ripartenza perfetta di Lozano, uno dei migliori in campo. Cerca di reagire con orgoglio il Parma di Liverani nel finale, ma Manolas e Koulibaly (tutt’altro che distratto dal mercato) concedono solo le briciole a Karamoh e compagni. Gattuso torna a casa con tre punti ma sopratutto con un interrogativo: qual è il Napoli da far giocare? La prima risposta del campo sembra chiara.


PARMA (4-2-3-1): Sepe; Darmian, Iacoponi, Alves, Pezzella; Grassi (89' Siligardi), Brugman (68' Dezi), Hernani; Kucka; Cornelius, Inglese (68' Karamoh). A disposizione: Adorante, Alastra, Balogh, Dermaku, Kasa, Laurini, Ricci, Simonetti, Sprocati. Allenatore: Liverani.

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj; Zielinski (8' Lobotka), Demme (61' Osimhen), Fabian (83' Elmas); Lozano (83' Politano), Mertens (88' Petagna), Insigne. A disposizione: Contini, Ghoulam, Maksimovic, Meret, Rrahmani, Rui. Allenatore: Gattuso.

ARBITRO: Mariani.

MARCATORI: 63' Mertens (N), 77' Insigne (N)

NOTE: Ammoniti Darmian, Alves, Pezzella, Kucka (P); Demme (N). Recupero: 0' - 6'.

10maggio87 TV

La storia di Victor Osimhen
2020-21 - Serie A - Parma-Napoli
2019-20 - Serie A - Parma-Napoli 2-1
Mertens - Capocannoniere nella storia della SSC Napoli
Mertens - Goal 2018-19
2018-19 - Serie A - Parma-Napoli 0-4

Argomenti correlati