Napoli, Jorginho esalta Sarri: Mi piace la sua mentalità

Il centrocampista degli azzurri: Scudetto? Continuiamo così, guardiamo partita per partita. Proviamo sempre a vincere, dobbiamo continuare su questa strada che è quella giusta

corrieredellosport.it
11/12/2015 14:05
corrieredellosport.it

NAPOLI - Jorginho si gode il grande momento del Napoli. Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli il centrocampista azzurro esalta il momento della squadra di Sarri: «Sono molto contento della stagione sinora, il merito è del lavoro di tutta la squadra e lo staff tecnico. Nel centrocampo a 3 riesco a esprimermi meglio che in passato, il merito è anche del mister e della squadra.


Higuain può vincere la classifica dei cannonieri?

Lo scorso avevo la stessa cattiveria agonistica ma la cosa principale è che la squadra vinca. Il Mister? Con il nostro allenatore mi trovo benissimo. La mentalità del mister è la stessa mia, a me piace pressare e recuperare palla in avanti. Quando ti difendi bene con il potenziale attaccanti che abbiamo riusciamo sempre prima o poi a far goal. Vorrei fare il primo goal in campionato ma non è così semplice. L'importante è vincere».



LO SCUDETTO E LA NAZIONALE - L'ex Verona poi non si nasconde e parla apertamente dello scudetto, obiettivo che quest'anno sembra davvero alla portata per il Napoli: «Continuiamo così, guardiamo partita per partita. Abbiamo continuità ma non possiamo mollare una virgola, con tanta umiltà e sacrificio possiamo toglierci delle belle soddisfazioni. Vincere qualcosa con il Napoli? Secondo me si, se continuiamo così si. Proviamo sempre a vincere. Dobbiamo continuare su questa strada che è quella giusta. Non esistono 11 titolarissimi, la squadra è fatta di grandi calciatori. Chiunque scende in campo dà lo stesso contributo alla squadra. Il Verona? Trasferta difficile.


Non possiamo guardare alla classifica, è una squadra tosta con un campo importante. L'anno scorso prendemmo due goal, non possiamo permetterci di sottovalutare la sfida. Il nostro centrocampo? Allan è un grandissimo giocatore, aiuta tanto me e tutta la squadra. Avere lui e Hamsik ai fianchi ti facilita molto. Con il mister mi trovo bene, mi piace molto la sua mentalità. Mi ci trovo molto a mio agio. Mi piace pressare alto, difendere in avanti e fare gioco». Chiosa finale sulla Nazionale: «Sono tranquillo, mister Conte fa le sue scelte. Io penso sempre prima al Napoli, la nazionale è una diretta conseguenza del lavoro con gli azzurri».

Argomenti correlati