Koulibaly spiazza tutti: "ADL grande presidente e vuole farci crescere. Voglio vincere a Napoli, sono pazzo della città. La pressione dei tifosi..."

Lunga intervista concessa da Kalidou Koulibaly ai colleghi di France Football della quale vi riportiamo la versione integrale.

tuttonapoli.net
11/17/2016 12:44
tuttonapoli.net
Lunga intervista concessa da Kalidou Koulibaly ai colleghi di France Football della quale vi riportiamo la versione integrale. 


Kalidou come spighi la tua crescita improvvisa? “Per me è stato davvero un sogno, pochi avrebbero creduto che potessi raggiungere questo livello. Credo sia la ricompensa per il lavoro svolto, ho dovuto combattere tanto e voglio progredire ancora giorno dopo giorno. Sono un perfezionista. Ho avuto una carriera insolita rispetto a quelli che ha attraversato tutta la trafila delle giovanili. Questo è ciò che mi ha reso più forte". 


Quali benefici avete tratto da questo percorso tortuoso? "Psicologicamente, mi ha forgiato. Giocare con padri di famiglia, ragazzi che vengono ad allenarsi la sera dopo aver trascorso la giornata di lavoro, mi è stato molto utile. Sono cresciuto più in fretta e mi è servito anche nel calcio".


Cosa hai pensato dopo il ritorno dal Metz? “Ho avuto alcuni momenti difficili, era inevitabile. Ero insopportabile, sia con i miei amici che con i miei genitori. Ma è stato in quel momento che ho capito che il calcio, doveva essere solo una passione. Così ho deciso di puntare tutto sugli studi, il calcio era diventato secondario". 


Com'è stato il tuo inserimento a Napoli? "La mia fortuna è stata che quando sono arrivato, c’erano i Mondiali. Le stelle non erano lì, ad eccezione di Callejon e Hamsik. Così ho potuto conoscere facilmente gli altri giocatori. Poteva essere per me complicato confrontarmi subito con le stelle, ho avuto la possibilità di vincere pian piano la timidezza in campo e fuori. E poi ho avuto la possibilità di imparare l'italiano a scuola, così ho appreso alcuni principi fondamentali che mi hanno subito migliorato. Perché nello spogliatoio tutti gli stranieri parlano italiano. Su Napoli, che dire. Io amo questa città! É bella. C'è il sole, il mare. I napoletani sono davvero accoglienti. Mi sento molto, molto bene qui. 


Ma Napoli è anche una città dove la pressione dei tifosi è enorme, a volte pesante... “Qui, si respira calcio. Il presidente De Laurentiis è la prova. Ama profondamente il suo club. Questo è un presidente atipico, ma dà tutto per farci progredire, è un uomo buono. Come lui, qui, tutti sono pazzi Napoli! In città firmiamo solo autografi e scattiamo foto (ride,ndr). Ovunque andiamo. Inoltre, penso che la mia famiglia conosce la città meglio di me, perché ci sono alcuni punti che non posso andare: ci sono così tante persone che si rivolgono a noi che diventa difficile camminare! Questo non mi preoccupa. Mi piace giocare sotto pressione, il calcio è fatto di questo giusto? È la sua essenza. Sono una persona che ama l'adrenalina, quindi non mi disturba! Sotto pressione ho giocato le miei migliori partite”.


Cosa ricordi di Rafa Benitez? “Gli ho appeso due o tre volte in faccia. Non ci potevo credere, ho pensato che fosse un amico che mi ha faceva uno scherzo telefonico".


Cosa avresti fatto se non avessi fatto il calciatore? “Pensavo di lavorare nel settore assicurativo e bancario o come insegnante di educazione fisica, mi sarebbe piaciuto”.


Nel 2014 l’arrivo al Napoli. Che ruolo ha avuto Benitez nella tua crescita? "Penso che ogni allenatore, se Yvon Pouliquen, Dominique Bijotat o Mario Been (Genk) , abbia avuto un ruolo nella mia carriera. Benitez mi ha vuluto fortemente, sarei dovuto arrivare in inverno ma era saltato. In estate mi ha rivoluto ed è tornato alla carica”


Quando sono arrivati i complimenti di Maradona hai pensato ad uno scherzo? “Quando uno come Maradona parla di te in quel modo, è davvero, davvero incredibile e ti rende orgoglioso. Ha anche chiesto la mia maglia, sono rimasto scioccato! Mi ha anche mandato una foto per ringraziarlo, ero in Paradiso. Questo dimostra che tutto è possibile nella vita! Ora non vedo l'ora di incontrarlo! 


Maradona dice che sei indirettamente vittima di razzismo, che se tu fossi bianco, già giocheresti nel Barcellona o al Real. Qual è la sua opinione?  "Penso che ci sia il razzismo in tutto il mondo. Anche se non ne parliamo esiste. Queste dichiarazioni, io invece li prendono positivamente. Se un giorno dovessi giocare per uno di questi club, sarà attraverso il mio lavoro, attraverso i miei sforzi e nient'altro. Oggi, la questione non si pone perché non voglio. Sono a Napoli e voglio vincere titoli qui”. 


Sei stato vittima di razzismo (nel febbraio 2016 sul campo della Lazio). Ti ha colpito? "E 'stato davvero fastidioso. È triste che la gente paghi il biglietto per venire a gridare contro di me.  L’Italia ha una cattiva immagine a causa di queste persone. Alla fine della partita, però, un bambino è venuto da me a chiedermi scusa. Ha detto "mi dispiace per tutto quello che è successo." Gli ho regalato la mia maglia perché ho visto nei suoi occhi e nelle sue parole tutta l'innocenza che aveva, che nonostante la giovane età era contro tutte queste stupidaggini. Non bisogna generalizzare.

Argomenti correlati