Hamsik: «Non lascerò mai il Napoli, voglio lo scudetto»

Il capitano: «Quando lascio il calcio non posso dire cosa succederà. Ora sono concentrato solo sul campionato, dobbiamo battere l'Atalanta»

corrieredellosport.it
01/18/2018 22:51
corrieredellosport.it
ROMA - Marek Hamsik ha ricevuto il premio come miglior calciatore slovacco. «È un grande onore ricevere questo premio - ha detto il capitano del Napoli in un'intervista alla Pravda -. So che i tifosi potevano scegliere tra una lista di giocatori davvero importanti, sia del passato che del presente. Si gioca a calcio per i tifosi e se lo apprezzano è il massimo per un calciatore».


IL RECORD DI MARADONA - «Record di gol di Maradona? Se ne è parlato tanto e tutti aspettavano quel momento. Quando è arrivato, è stato bellissimo. Lo stesso vale quando ho fatto il 116esimo gol nella partita con la Sampdoria. Quando i 60 mila spettatori si alzano in piedi e gridano il mio nome nello stadio San Paolo, mi sono venuti i brividi alla schiena. È qualcosa di irripetibile, lo ricorderò per tutta la mia vita. Con Maradona non ho ancora parlato, non era il momento. Ma credo che lo farò presto. Si è congratulato per il record. Sono molto contento, lo apprezzo».


FUTURO A NAPOLI - Il futuro è a Napoli: «Non ho alcun dubbio: da Napoli sicuramente non me ne andrò. Quando lascerò il calcio non posso dire cosa accadrà. Ora mi sto concentrando per vincere lo scudetto a Napoli. Questo è il mio obiettivo principale. La Juventus è indubbiamente la nostra avversaria principale, ma dobbiamo stare attenti anche alle altre. Ci sono ancora molti punti in palio».


ATALANTA - Per la sfida con l'Atalanta è in dubbio, a causa dell'influenza: «Giochiamo nel loro stadio. Sarà una partita molto difficile. Non riusciamo a batterli: nell'ultimo anno, ci hanno battuto due volte ed eliminato dalla Coppa Italia quest'anno. Dobbiamo partire bene dopo la pausa; questa cosa può influire sul resto della stagione. Se ci sarò? La gola mi fa male. Vedremo come andrà in questi giorni. Non lo so ancora se ci sarò».

Argomenti correlati