Napoli, Milik lancia la sfida alla Juventus: «Presto sarò al 100%»

Il 24enne attaccante, tornato in campo dopo la rottura dei legamenti crociati e ora impegnato con la Polonia, ha parlato con la stampa del suo Paese: «L'infortunio? Sentivo che era presto ma ora non ci penso più»

corrieredellosport.it
03/23/2018 18:01
corrieredellosport.it
NAPOLI - Con il senno del poi avrebbe agito in maniera differente, ma ora non si piange addosso e dopo essere già sceso in campo con il Napoli è pronto a sudare per tornare più forte di prima. Parliamo di Arek Milik, sfortunato centravanti del Napoli e della Polonia fermato dalla rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro quando aveva appena recuperato dal lungo infortunio che lo aveva già frenato in precedenza ma ora tornato a disposizione di Maurizio Sarri e della Polonia con cui è pronto a sfidare questa sera la Nigeria in amichevole (segui la diretta dalle ore 20.45).


INFORTUNIO - «Il mio infortunio? Il medico del Napoli (De Nicola, ndr) mi disse che ero pronto già tempo fa, ma io la pensavo diversamente - ha rivelato il 24enne attaccante ai microfoni della polacca 'TVP Sport' -.  volevo aspettare perché non mi sentivo ancora bene e sapevo di aver bisogno qualche settimana in più per rafforzarmi. In questi casi le sensazioni di un giocatore credo valgano più di ogni altro parere». Di certo Milik vuole recitare un ruolo da protagonista nella sfida scudetto con la Juventus, che gli azzurri che vogliono spodestare i bianconeri dal trono del calcio italiano: «Se tornerò quello di un tempo? Assolutamente sì, dopo la riabilitazione è normale avere qualche intoppo, ma ora non ci penso più e in campo sento solo l'adrenalina. Presto sarò di nuovo al 100%».

Argomenti correlati