Albiol: «Scudetto? Juventus favorita, ma il campionato non è finito»

Il difensore del Napoli non parte assolutamente sconfitto: «Loro spendono tanto e possono permettersi grandissimi giocatori, ma con Ancelotti c'è un progetto importante che può portarci in alto in tutte le competizioni»

10maggio87.it
10/05/2018 14:54
10maggio87.it
NAPOLI - "Con il Liverpool è stata una partita stupenda, ma adesso pensiamo al Sassuolo perché sarà una sfida molto dura. Serate come queste di Champions sono meravigliose. Battere il Liverpool ti dà grandi sensazioni e anche la spinta di proseguire e fare ancora meglio. Abbiamo concesso solo due tiri ad un avversario fortissimo in attacco e questo è merito non solo della difesa ma di tutta la squadra”. Raul Albiol è raggiante dopo il trionfo europeo contro i Reds di Klopp. “Vittorie come queste devono darci convinzione ma soprattutto continuità di rendimento. Chiaramente crediamo alla qualificazione nel girone – ha detto il difensore spagnolo ai microfoni di Radio Kiss Kiss -. Ci credevamo prima del match e ci crediamo ancora di più ora. Sarà molto difficile perché abbiamo due avversari di livello altissimo, ma sappiamo di poter competere con tutti. Sì perché avevamo cominciato benissimo, poi abbiamo commesso qualche piccolo errore che loro hanno subito sfruttato. Avremmo potuto pareggiare anche in dieci uomini e questo significa che la squadra è sempre stata viva. Dispiace per il risultato ma il campionato è aperto e mancano tantissime partite”.


Su chi sia la favorita per lo scudetto non ha dubbi: “La Juventus, lo sapevamo sin dall’inizio. Spende tanto e può permettersi grandissimi giocatori ma ora è presto per dire che ha già vinto lo scudetto. Noi dobbiamo pensare una gara alla volta e già domenica avremo un incontro molto duro. Il Sassuolo è una squadra organizzata che sa come mettere in difficoltà anche le grandi squadre. Per noi sarà un test importante e non semplice. Dobbiamo proseguire sulla striscia vincente e domenica ci vorrà tanta forza e concentrazione per conquistare il successo. Sì sono felice perché dopo un periodo non semplice per la Spagna, adesso c'è un corso di rinnovamento e sono felice che anche io sia stato inserito nel gruppo. Questo lo devo molto al Napoli, al lavoro che sto facendo qui e alle buone prestazioni. Il mio obiettivo è fare il massimo con la maglia azzurra perché quest'anno con Ancelotti c'è un progetto importante che può portarci in alto in tutte le competizioni".

Argomenti correlati