Ounas: «Con Ancelotti volo»

L’attaccante algerino (assist e gol con lo Zurigo) esalta il nuovo tecnico: “Mi spiega le cose e mi stimola. Con Sarri non era così. E ora gioco di più e rendo meglio”

gazzetta.it
02/22/2019 11:46
gazzetta.it

NAPOLI - Non gli era mai capitato da quando veste la maglia del Napoli di realizzare gol e assist nella stessa partita. D’accordo, lo Zurigo non sarà stato un avversario trascendentale, ma gente come Insigne e Mertens non cè riuscito, Adam Ounas sì. E tira un sospiro di sollievo Carlo Ancelotti che ha bisogno di gente fresca lì davanti visto il mal di gol che attanaglia il Napoli come un tremendo virus influenzale.“Devo dare il massimo quando il mister mi fa giocare per ripagare la fiducia. Ora devo andare avanti così”, dice con fierezza l’esterno offensivo algerino ventiduenne, arrivato nell’estate del 2016 a Napoli per diventare l’alternativa di Callejon. Poi non è andata esattamente così. Il perché lo spiega lo stesso Adam.


CON SARRI - “Le differenze col passato ci sono. Ora gioco un po’ di più. Ancelotti mi parla di più di Sarri, mi sprona, mi dà grande fiducia, mi dice di dare il massimo per fare gol. Io cerco di fare di tutto per lui e per farmi vedere sempre presente quando mi chiama in causa. Sono cresciuto in maturità. I discorsi di Ancelotti sono diversi da Sarri: uno contro uno mi fa provare a saltare l’uomo per fare la differenza. In Francia avevo un allenatore che mi parlava molto, ora c’è Ancelotti che mi parla e per un calciatore come me è importante. E Ancelotti mi parla di più sul campo, diventa più facile così”. Un paragone crudo nella sua semplicità, ma è logico che per un ragazzo di 22 anni il dialogo sia particolarmente importante per la crescita. Ora Ancelotti in attacco ha davvero un’arma in più.

Argomenti correlati